Nella categoria | Raccoglitori

FORLÌ – CESENA: È PROIBIZIONISMO ANCHE PER LA RACCOLTA FUNGHI

Postato il 22 Gennaio 2010 da lddc

Dissenso tra la Regione Emilia-Romagna e il Parco nazionale delle Foreste casentinesi che, senza nessuna consultazione preventiva, ha stabilito il divieto ai non residenti di raccogliere funghi nelle riserve naturali interessate nei giorni di sabato e domenica.

Per i visitatori non del luogo, insomma, si preannunciano weekend di lunghe passeggiate, ma d’ora in poi senza cestino. Il divieto, secondo l’assessore regionale all’Ambiente Lino Zanichelli, “non è l’unico modo di limitare il numero e l’impatto dei raccoglitori, come dimostrano numerose altre esperienze”, e la delibera del direttivo dell’ente non ha ovviamente favorito un clima disteso tra le parti.

“Occorre riprendere il confronto - ha dichiarato Zanichelli su Il Resto del Carlino di Forlì il 14 gennaio -  perché sedendosi attorno a un tavolo è possibile trovare una soluzione diversa, che sia soprattutto condivisa e capace di tenere insieme le esigenze ecologiche e quelle di chi, nel weekend, venendo anche da aree esterne ai Comuni del Parco, vuole cercare funghi nelle Foreste casentinesi”.

L’invito dell’assessore, quindi, si riassume in uno “sforzo di comprensione”, nel rispetto di un territorio che bisogna certo tutelare, ma anche gestire e valorizzare al meglio.

“Il fatto che nei Parchi nazionali la disciplina di riferimento sia statale - ha proseguito Zanichelli sul quotidiano - non aveva mai impedito, fino a tempi recenti, di adottare regolamenti equilibrati, in linea con quelli funzionanti nel resto del territorio e, soprattutto, discussi con le comunità locali per contemperare le diverse esigenze”.

La politica regionale sulle aree protette, secondo Zanichelli, investe proprio sulla ricerca di una maggiore integrazione tra montagna e pianura, tra conservazione della biodiversità e sviluppo territoriale, e proprio in questa direzione vanno le più recenti iniziative regionali a favore del Parco stesso. “Questo dissenso mi sembra un brutto passo indietro” ha dichiarato l’assessore.

A.B.

Tags | ,

1 Commenti Per Questo Post

  1. giorgio ha scritto:

    buon giorno sono un raccoglitore abbastanza deluso perchè penso ci possano essere altri tipi di soluzioni a questi problemi.
    domanda ma dove sono quelle guardie forestali che paghiamo nei periodi di raccolta funghi? dove sono i controlli che dovrebbero fare? é inutile vietare raccolte che poi nessuno controllerà. ci sono già limitazioni e divieti ma nessuno a controllarli. Si vedono guardie che aspettano sulla strada asfaltata i raccoglitori (che se non sono in regola col c… che li beccano).
    soluzioni per ridurre raccoglitori maleducati e distruttori al sabato e domenica (è logico che senza controlli non si risolve nulla) istituire un patentino non tanto per riconoscere i funghi (anche se si vede in giro gente che raccoglie di tutto e scambia amanite muscaria con una cesarea in stato adulto)ma sul comportamento che si deve tenere quando si è nel bosco. mi chiedo: chi lavora dal lunedi al venerdi quando può andare a funghi? non abbiamo tutti gli stessi diritti, residenti o no nei comuni del parco? visto che i residenti alle comunità già pagano la metà (chi lo paga) e vanno a funghi quando gli pare?
    Ps: nell’articolo si parla di riserve naturali ma cosa intendono, su tutto il territorio del parco o ne creeranno zone con divieto? grazie e scusate

Gli Italiani e la Caccia 2013
Franchi Feeling Beccaccia
Vademecum Sicurezza Caccia - Free PDF download
Beretta
Nature Show
ShotHunt
Game Fair
Franchi Feeling Gamma
FIDC: SICURO DI ESSERE SICURO?
il cananale della dea su twitter
I Cacciatori Italiani e la Caccia
Gli Italiani e la Caccia
Pescasport - Arco - periodici Greentime