Nella categoria | In Evidenza

LORENZO CARNACINA, VICEPRESIDENTE FEDERCACCIA: “LA CACCIA NON PUÒ AVERE SOLO DIVIETI”. IL TGV? “CREDO CHE IL FUTURO SIA QUESTO”

Postato il 21 Dicembre 2009 da DdC

È un 2010 di cambiamenti per il mondo venatorio quello che si delinea nelle speranze del vicepresidente nazionale di Federcaccia Lorenzo Carnacina, video-intervistato da La Dea a margine del Consiglio e dell’assemblea straordinaria della Federazione. “Quello che si aspetta il mondo della caccia, in particolar modo anche noi come Federcacciatori, ma i cacciatori tutti, è che la legge 157 venga rivisitata in alcune sue parti. - afferma - Il contenuto fondamentale della caccia, che viene stabilito dalla 157 in riferimento alla biodiversità, al rispetto delle direttive europee va mantenuto. C’è l’interpretazione, che a quei tempi era ancora agli albori, proprio delle specie cacciabili. Credo che l’articolo 18 della 157 debba essere rivisto. - dichiara - Perché nel nostro Paese la caccia non può avere solo divieti da parte delle direttive europee, quando le stesse direttive europee favoriscono anche la caccia: alcune danno la possibilità delle cacce per decadi, quindi che per alcune specie, che tuttora sono cacciabili e noi le cacciamo fino al 31 di gennaio, la caccia possa essere portata anche al 10 di febbraio. Con ricerca, con scambi di opinione, con dati e precisazioni che vadano in questo senso e che permettano l’utilizzo di questo tipo di cacce“. Un cambiamento, quello della normativa nazionale, che forse potrà essere agevolato dalla presenza di maggiori dati scientifici. Proprio durante l’Assemblea federale sono stati presentati i dati della ricerca promossa da Federcaccia riguardo alla fauna e alla sua consistenza, che ha coinvolto anche Ca e Atc. Queste ricerche, secondo Carnacina sono fondamentali: “Noi non abbiamo mai avuto una visione generale né della situazione della caccia né dei centinaia di cacciatori che sono specializzati nei singoli tipi di caccia. Non riusciamo ad avere questo tipo di dati e non avendoli siamo anche stati poco credibili. Fino ad oggi“. Un salto di qualità, quello fatto dalla Federcaccia con la presentazione di uffici dedicati a stanziale e migratoria, “facendo vedere anche che abbiamo del personale tecnico-scientifico altamente preparato credo che sia molto importante in questo senso. perché la scommessa per il futuro è questa: avere credibilità, avere dati messi al servizio dei cacciatori per poter sia difendere le attuali specie cacciabili sia proporre anche le modifiche di altre potenziali specie cacciabili che ci sono nelle direttive europee o che vengono permesse tramite direttive europee“. Un obiettivo importante, quello di Federcaccia, nel quale gioca un ruolo di primo piano anche la comunicazione. In questo senso anche la Dea Tv, con il nuovo TgvSettegiorni, potrebbe avere una funzione di rilievo: “Mi sembra un’ottimissima idea. - ha affermato il vicepresidente riferendosi alla prima edizione del Tgv - Una grande intuizione, dal mio punto di vista. C’è questa necessità: che venga presentato bene, che venga gestito bene, che sia al servizio proprio del mondo della caccia, che vuole conoscere le notizie, che possa cavalcare le notizie, proprio quelle fumanti, quelle di settimana, di giornata e che si discutono tutti i giorni. E aver creato un punto di riferimento per tutto il mondo della caccia italiano credo che sia un fatto molto importante. Lo dico sinceramente: lo apprezzo molto e credo che il futuro sia questo“.

Valeria Bellagamba

il video

Tags | , , ,

23 Commenti Per Questo Post

  1. pierluigi dini ha scritto:

    ottima relazione,ma non bisogna perdere tempo perchè se la legge 157 del 92 a tempi di oggi in parte non è più sostenibile va cambiata subito ,altrimenti si rischia che quando fosse modificata sia gia vecchia e ineficente. il mondo cambia velocemente e rimanere indietro vuol dire perdere tempo prezioso per la salvaquardia della nature e la caccia; la burrocrazia in italia uccide più dei cacciatori.
    VI AUGURO BUENE FESTE, ma passato la befana bisogna accellerare i tempi per arrivare alla prossima apertura con le nuva legge fatta con intelligenza tenendo conto degli studi e del buon senso.Vietare molte volte non vul dire far del bene ma se non è fatto con giudizio può fare danni inreparabili.

  2. valentino88 ha scritto:

    Caro vicepresidente carnacina i cacciatori,specialmente noi del sud vogliamo che la stagione venatoria si protrai fino al 28 febbraio altro che contentino fino al 10.Guardate che se per miracolo dovesse passare la legge nel 2010 e non almeno nella maggior parte come l’abbiamo scritta noi con l’aiuto dell’On.Berlato(parlamentare italiano europeo)sarete ancora di più colpevoli della fine della caccia in Italia.
    Attenti a se e come la farete approvare dal parlamento,vi guardiamo a vista.

  3. Ezio ha scritto:

    La caccia non può vivere solo di di divieti??!! E lo dice il Vice presidente della FEDERCACCIAAAA????!!!!!!!!!!!!!!!!!

    La prego, se lo ritiene opportuno, caro Vice Presidente, si faccia un giretto in Piemonte e vedrà come alcuni atc gestiti dall’inizio dei tempi da Federcaccia, impediscono ad alcuni cacciatori, ovvero tutti tranne i cinghialai, di andare a caccia al sabato.
    Ed impediscono di fare l’appostamento fisso temporaneo a gennaio.
    E non accettano neppure di giungere ad una mediazione, del tipooooo…che soooo…al sabato solo da metà di ottobre alla bekka e al fagiano maschio … Non so, cretinerie del genere…tanto per far vedere che sono democratici ed attenti alle esigenze di TUTTI…. e non solo di qualche “ORTO”.

    Si cretinerie, visto CHE IN QUESTA REGIONE ABBIAMO GIA’ DATO A VERDI, ANIMALISTI E SIMILARI, ovvero abbiamo il calendario venatorio già, di per se, il più restrittivo d’Italia…. ALTRO CHE 157!!!! Dati i tre giorni fissi, dato che col cane la caccia chiude al 31 dicembre, visto infine che è la regione, il Piemonte, con meno cacciatori rispetto a tutte le altre, atteso che in genere nevica presto e perciò la caccia si chiude già in anticipo di per se, VISTO CHE I CACCIATORI DOVREBBERO GODERE TUTTI DEGLI STESSI DIRITTI E NON SOLO DEGLI STESSI DOVERI (PAGARE) …E DOVREBBE ESSERE OVVIO CHE OGNI FORMA DI CACCIA VA RISPETTATA E NON SOLO QUELLE PRATICATE DAI PIU’ ….

    E MI SI VIENE A PARLARE DI DIVIETI???!!!!!

    E da parte di chi???!!

    Manco la perdita di centinaia di tesserati in qualche anno han fatto riflettere FIDC locale….

    MA PER FAVORE!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  4. NANNI ha scritto:

    Siamo stanchi di sentire le belle parole è ora di passare ai fatti. Abbiamo tutte le carte in regola, dal Governo in giù,non c’è più scuse che tengano.
    Basta togliere gli ATC, caccia alla migratoria libera in tutta Italia (ed è una cosa sacrosanta giusta), chiusura al 28 febbraio.
    Buon lavoro e auguri.

  5. Ezio ha scritto:

    X Nanni

    Scendi di nuovo sulla terra, ti prego!! :-)

  6. dante ha scritto:

    Lasciamo lavorare la nuova dirigenza Federcaccia senza essere prevenuti. Per quello che leggegiamo qui sulla Dea mi sembra che dicono cose giuste. Non si nascondondono dietro la struttura. Quello che dicono è qui filmato a partire dalle elezioni. Mi sembra che fino adesso tra tutte le associazioni sono gli unici che hanno fatto una cosa del genere. Niente equivoci. Alla fine trarremo le conclusioni, ma solo alla fine. Da parte mia dico solo buon lavoro!

  7. dante ha scritto:

    aggiungo… che noia sentire solo lamentele. Un incoraggiamento mai? della serie, facciamoci del male.

  8. Ezio ha scritto:

    Si è giusto dante…siamo a Natale.
    Tutti più buoni.
    E poi, chissà quale sarà il regalo.
    Magari un altr’anno mi faranno andare a beccacce un giorno a settimana …ovviamente pagando come tutti gli altri, ci mancherebbe!!

  9. fantomas ha scritto:

    Rispetto per il vice presidente è bravo, passionale,grande lavoratore siamo in ottime mani.

  10. daniele ha scritto:

    X Carnacina

    Con questo nuovo ufficio la fidc farà la grande svolta,bravo Carnacina

  11. dante ha scritto:

    Ezio, rispetto la tua posizione, forse la chiamerei la tua “delusione”. Dalla mia ho scelto di fidarmi. Non è questione di essere più o meno buoni, il fatto è che noi siamo i “numeri” della caccia e i dirigenti i nostri portavoce. Essi quando espongono pubblicamente argomenti condivisibili devono avere il nostro sostegno indipendentemente dal campanile. Nel mondo caccia noi “numeri” abbiamo ancora un peso. Devono lavorare al meglio di quello che il contesto Italia permette di fare, realisticamente parlando. “Gli è tutto sbagliato, tutto da rifare” diceva il campione Bartali e non era un lamento ma uno sprone a fare meglio.

  12. dante ha scritto:

    Invito Carnaciana a partecipare alla discussione.

  13. SERGIO BERLATO ha scritto:

    MARIA CRISTINA CARETTA RICONFERMATA PRESIDENTE NAZIONALE CONFAVI.

    Maria Cristina Caretta è stata riconfermata alla Presidenza nazionale della CONFAVI, segno dell’apprezzamento dei soci della Confederazione per la determinazione con la quale ha saputo rappresentare la CONFAVI nel corso del triennio che si è appena concluso.

    Esponendo la sua relazione all’assemblea nazionale, Maria Cristina Caretta ha ricordato le tante battaglie combattute in difesa dei diritti di tutti i cacciatori dalla giovane associazione da Lei rappresentata, preannunciando, per l’immediato futuro, una serie di iniziative che dovranno portare all’unificazione del mondo venatorio italiano ed alla collaborazione con tutte le categorie economiche e sociali interessate a garantire un futuro dignitoso all’attività venatoria in Italia, come del resto avviene in tutta Europa.

    Tra le tante iniziative annunciate dalla riconfermata Presidente nazionale CONFAVI, la partenza con il primo gennaio 2010 del tesseramento unificato della Confederazione in tutte le regioni d’Italia, offrendo agli associati ben sei possibilità di copertura assicurativa rapportate alle singole necessità di ogni cacciatore.

    Oltre alla sottoscrizione della tessera assicurativa attraverso il comodo bollettino di conto corrente postale, ogni cacciatore italiano avrà la possibilità di associarsi a CONFAVI direttamente on line attraverso il nuovo sito web che verrà reso disponibile già dai primi giorni di gennaio 2010.

    CONFAVI parteciperà a diverse iniziative con propri stands, tra le quali quella della Fiera della caccia di Vicenza denominata Hunting Show, diventato oramai uno degli appuntamenti più interessanti nel panorama fieristico di settore nel nostro Paese.

    CONFAVI sarà presente con un proprio stand anche al GAME FAIR di Tarquinia.

    Ma l’obiettivo principale di Maria Cristina Caretta e di tutta la CONFAVI rimane la modifica della legge statale 157/92.

    Vista la lentezza con la quale la Commissione ambiente del Senato sta esaminando le proposte di modifica presentate in Parlamento, la Presidente nazionale della CONFAVI ha avuto pieno mandato dall’Assemblea nazionale di promuovere una grande manifestazione nazionale di protesta a Roma per il 9 marzo 2010, in modo tale da pretendere dalla politica, prima della scadenza relativa alle elezioni amministrative di fine marzo 2010, un pronunciamento inequivocabile sull’approccio che i partiti intendono avere sullo scontro in atto tra la cultura urbana, eccessivamente condizionata dall’integralismo animal-ambientalista , e quella rurale, portatrice di un antico sapere e di radicate tradizioni.

    Ufficio stampa CONFAVI

  14. Giulio Usai ha scritto:

    Al di là delle critiche nei confronti di FIDC o di altre AA.VV., che in ogni caso sono meritate – se non altro per l’eccessiva latitanza nell’affrontare di petto e con la convinzione che è necessaria le problematiche che affliggono la caccia – credo che quanto affermato da Carnacina sia una importante verità e sia necessario seguire questa via con priorità assoluta.
    A poco infatti servono richieste sterili di ampliare l’elenco delle specie cacciabili, così come di estendere il periodo di caccia a tutto febbraio o di abolire gli ATC ecc. ecc. ecc.: sono richieste buttate là senza alcun supporto tecnico o scientifico e quindi confutabili da chiunque sia contrario alla caccia, e non sono pochi.
    Oggi, qualsiasi richiesta che si voglia avanzare per chiedere la modifica della normativa sulla caccia ha possibilità di essere accolta solo a due condizioni: 1) venga effettuata nel rispetto di quanto prevedono le normative comunitarie in materia; 2) siano supportate da argomentazioni tecniche e da studi scientifici che consentano di comprovare la sostenibilità di quanto richiesto.
    Pensare di agire in modo diverso non serve a nulla e in questo caso saremo sempre perdenti.
    Personalmente ritengo quindi sia da appoggiare in modo incondizionato quanto affermato dal Vicepresidente Carnacina e a tale riguardo sarebbe auspicabile un progetto in questo senso in cui vengano sensibilizzati anche tutti i cacciatori, che possono dare un contributo molto importante, come già sperimentato con successo da parte dell’ACMA (la settoriale della Federazione dei cacciatori di acquatici – che ha avviato da tempo ricerche sulle anatre e sul beccaccino con l’aiuto dei cacciatori).
    BUON NATALE A TUTTI

  15. falco ha scritto:

    Condivido pienamente quanto asserito dal vice Carnacina …..speriamo che ci si diano una mossa, quanto…lo vedremo in seguito o e solo una mossa politica ??

    Sapete sono molto scettico in quanto fino ad ora solo…parole parole parole come quella canzone!!!!!

    La caccia ha bisogno di certezze nel rispetto delle regole comunitarie e fuori le regioni che fanno ciò che gli torna meglio, bel mio testo unico sulla caccia che al passo coi tempi opportunamente aggiornato sarebbe il top e dove tutti i cacciatori sanno quando l’attività venatoria inizia, a quali specie, i periodi e le chiusure dal confine nazionale alla sicilia oggi per cacciare serve un geometra … ma di quelli bravi!!!!! un bravissimo avvocato sempre con noi e alle volte non servono nemmeno loro.
    Un esempio x tutti la maggior parte delle aree a divieto non sono perimetrate e ditemi voi un cacciatore che esercita l’attività venatoria fuori dalla sua provincia ma anche nell’ambito della sua regione di residenza come può sapere che quella porzione di territorio è vincolata??? eppure se ti beccano dentro anche di un solo metro ….. addio licenza di caccia e anche il penale !!!!!! ma vi sembra questo il modo di tutelare il cacciatore cittadino ? Tutti portano a spasso i cani delle più svariate razze e in tutti i luoghi. te perchè hai un cane classificato da caccia NO !!!! e becchi la multa i danni li fanno anche gli altri ma quelli poverini possono loro hanno bisogno di muoversi i nostri i km fatti a caccia vanno in sconto per il periodo febbraio agosto. Viva l’italia

  16. Ezio ha scritto:

    Dante scrive:
    “….Essi quando espongono pubblicamente argomenti condivisibili devono avere il nostro sostegno indipendentemente dal campanile…”

    Caro Dante, guarda che con me sfondi una porta aperta …Ed il mio unico “campanile” mi sforzo debba essere il buon senso…
    Continuo, e lo ribadisco, a vedere nel corso degli anni la mano destra che non sa cosa fa la mano sinistra….
    O meglio ancora la testa che non sa o non gli interessa sapere cosa fanno le altre parti del corpo…
    E così mentre lei, la testa, parla di mangiare, magari le mani applaudono o le gambe ballano…

    Spero di aver reso l’idea.
    Ancora auguri!
    Ezio.

  17. dante ha scritto:

    Ezio hai reso l’idea e purtroppo chi non sa quanto sai tu. La testa per usare la tua metafora, lo sappiamo, è più vulnrerabile del corpo. Ogni tanto parte per la tangente, rincorre sogni di gloria, qualche volta di potere ma il corpo è sempre li a riportare, per paradosso, la testa alla ragione. Vigiliamo, suggeriamo, critichiamo e sosteniamo quando necessario. Caro Ezio e amici di questo blog, buon Natale. Dante.

  18. Ezio ha scritto:

    AUGURI, AUGURI, AUGURI!!!! :-)

    Ezio.

  19. Mario Monetti ha scritto:

    TANTI AUGURI DI BUON NATALE E DI UN FELICISSIMO ANNO NUOVO A TUTTI. AUGURIIIIIIIII

    TANTI AUGURI DEA E MILLE VOLTE GRAZIE PER TUTTO.

    Mario Monetti
    VicePresidente Provinciale FIDC Brindisi

  20. DdC ha scritto:

    Grazie degli auguri che ricambiamo ed estendiamo a tutti. Grazie anche per il sostegno che ci dimostrate sempre.
    La Dea.

  21. carlo longo.cetona ha scritto:

    Sosteniamo Carnacina il suo progetto è ambizioso ma molto bello

  22. Claudio De Paoli ha scritto:

    Siamo alla resa dei conti
    adesso vedremo veramente tra tutte le associazioni venatorie chi dimostrerà coerenza,dubito molto che certi dirigenti si esporranno pubblicamente ,ma qui si tratta di tutti noi cacciatori ITALIANI è il momento della verità.
    Di chiaccheroni e spara sentenze a vanvera, in giro per i vari siti web cè ne sono a bizzeffe ,adesso dimostriamo con i fatti partecipando tutti alla manifestazione di ROMA di che pasta sono fatti i cacciatori uniti tutti per difendere la nostra magnifica passione.
    Grande CONFAVI ma Ancora Più Grande SERGIO BERLATO il vero difensore di tutti noi.
    Faccio un augurio a tutti voi di un 2010 meraviglioso e ricco di soddisfazioni Claudio De Paoli

  23. simone ha scritto:

    Bravissimo Carnacina ottima idea l’ufficio migratoria

Gli Italiani e la Caccia 2013
Franchi Feeling Beccaccia
Vademecum Sicurezza Caccia - Free PDF download
Beretta
Nature Show
ShotHunt
Game Fair
Franchi Feeling Gamma
FIDC: SICURO DI ESSERE SICURO?
il cananale della dea su twitter
I Cacciatori Italiani e la Caccia
Gli Italiani e la Caccia
Pescasport - Arco - periodici Greentime