TOP-MENU

cinghiali

ANCONA, CONTRO CINGHIALI PIANI ABBATTIMENTO E “AUTODIFESA” PER AGRICOLTORI

Contro il dilagare dei cinghiali, con gravi danni alle colture e pericoli per la sicurezza degli automobilisti, occorre continuare con i piani di abbattimento ma anche dare la possibilità agli agricoltori minacciati di poter anch’essi difendere i propri campi. Ad affermarlo è la Coldiretti Ancona nel commentare i risultati dell’attività di selezione nel comprensorio che comprende Fabriano, Arcevia e Cupramontana. Il prossimo passo deve essere la piena applicazione dell’articolo 25 della legge sulla caccia, con l’adozione di un Piano di controllo attuabile in ogni periodo dell’anno su tutto il territorio regionale, comprese le aree protette, in piena sinergia e collaborazione tra Istituzioni, ATC, cacciatori, agricoltori e ambientalisti.

Ma occorre anche dare la possibilità agli agricoltori di difendere le colture minacciate, dando la possibilità a quelli muniti di tesserino di caccia, di abbattere i cinghiali all’interno delle proprie aziende. Una soluzione proposta da Coldiretti sulla quale si è già registrata un’apertura da parte della stessa Regione Marche. Indubbiamente è positivo l’obiettivo di arrivare entro il 2017 a non avere più di tre cinghiali ogni 200 ettari, rispetto all’attuale limite di dieci ogni 200 ettari nelle zone interne, peraltro sino ad oggi ampiamente disatteso. Ma, nell’ottica della prevenzione, sarebbe importante anche finanziare l’acquisto di recinti elettrici per difendere le colture.

Oltre ai danni alle colture, ricorda Coldiretti, gli studi dimostrano come i cinghiali abbiano un impatto negativo sull’ambiente consistente in un’alterazione della composizione chimica del terreno a causa dell’attività continua di scavo profondo alla ricerca delle radici, determinando così fenomeni di erosione e un danneggiamento ambientale ed economico delle aree destinate a pascolo. Ma aumentano anche i problemi per la sicurezza degli automobilisti. (Fonte COLDIRETTI)

 

 

, , , ,

Le foto presenti su La Dea della Caccia sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo alla redazione - info@ladeadellacaccia.it - che provvederá prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.