TOP-MENU

20160428c

COMPAK SPORTING. SPADA ED I SUOI IN UNGHERIA PER L’EUROPEO

Inizia ufficialmente oggi il 22° Campionato Europeo di Compak Sporting organizzato sulle pedane ungheresi di Sarlospuszta. In gara si affronteranno 460 tiratori in rappresentanza di 27 Paesi del vecchio Continente, i quali si contenderanno i titoli in palio sulla distanza di 200 piattelli ciascuno. Gli azzurri, guidati dal Commissario Tecnico Veniero Spada, sono in Ungheria da lunedì 25 aprile per prendere bene le misure dei campi di gara e acquisire maggiore familiarità con i piattelli che, da oggi, dovranno abbattere senza fare economia di energie. L’obiettivo dichiarato dal CT è quello di voler vincere il più possibile e tornare in Italia con il maggior numero di titolo continentali. “Abbiamo dimostrato di poter far bene, malgrado l’alto livello tecnico degli avversari che incontreremo – ha spiegato Spada – Abbiamo dalla nostra un gruppo molto affiatato e tiratori di alto livello in tutte le qualifiche”. Per concretizzare questo ambizioso risultato Spada ha convocato Marco Battisti di Monteciccardo (RN), Samuele Sacripanti di Amelia (TR), Michael Spada di Fabro (TR) e Daniele Valeri di Spoleto (PG) tra i Senior, Cristian Camporese di Padova, Luca Panizza di Lierna (LC) e Pietro Piccari Ricci di Rimini per quello degli Junior, Martina Maruzzo di Nanto (VI), Jessica Tosti di Colombella (PG) e Katia Vaghi di Treia (MC) per quello delle Ladies, Mauro Bosi di Forlì (FC), Claudio Moretti di Rimini e Carlo Sestini di Empoli (FI) per quello dei Master ed infine Eugenio Bruscolini di Riccione (RN), Alvaro Leardini di Morciano di Romagna (RN) e Giovanni Zamboni di Gavardo (BS). Come anticipato in apertura, le gare sono iniziate questa mattina con i primi 50 piattelli e proseguiranno fino a domenica 1 maggio con 50 piattelli al giorno, per il totale complessivo di 200 piattelli per ciascun tiratore. In caso di pari merito, per l’assegnazione dei titoli di Campione Europeo e per le altre medaglie si procederà con spareggi diretti.

,

Le foto presenti su La Dea della Caccia sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo alla redazione - info@ladeadellacaccia.it - che provvederá prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.