TOP-MENU

lupo

FACE. PROSSIMI PASSI PER LA CONSERVAZIONE E LA GESTIONE DEL LUPO IN EUROPA

L’intergruppo “Biodiversità, caccia, attività rurali” del Parlamento europeo, insieme alla Federazione europea per la caccia e la conservazione (FACE) e all’Organizzazione europea dei proprietari terrieri (ELO), ha ospitato l’evento online “I prossimi passi per la conservazione e gestione del lupo in Europa”. Gran parte delle discussioni ruotavano attorno alla proposta della Commissione Europea di modificare lo status internazionale dei lupi ai sensi della Convenzione di Berna.

Un gruppo di relatori di alto livello composto da membri del Parlamento Europeo, della Commissione Europea, esperti in conservazione della fauna selvatica e i maggiori portatori di interesse hanno condiviso le loro opinioni sulle sfide e sulle opportunità per la conservazione e la gestione del lupo in Europa.

Alberto Arroyo Schnell, responsabile dei programmi e delle politiche presso l’Ufficio regionale europeo dell’IUCN, che ha moderato l’evento, ha arricchito efficacemente il dibattito rispondendo a una serie di domande sollevate da un vasto pubblico. Il suo approccio coinvolgente e informativo ha evidenziato il valore del dialogo interattivo nell’affrontare temi complessi di conservazione.

Arroyo ha sottolineato che “Grazie al successo degli sforzi per la conservazione, le popolazioni di lupi sono cresciute notevolmente negli ultimi due decenni. Dato l’importante ruolo che svolgono nei nostri ecosistemi, dobbiamo imparare a coesistere con i lupi. Ciò richiede un approccio equilibrato in cui tutte le parti interessate possano riunirsi per discutere il futuro della gestione e della conservazione del lupo in Europa. È necessario promuovere azioni volte alla conoscenza e la cooperazione, con l’intento di instaurare un rapporto equilibrato tra lupi e esseri umani, per promuovere la coesistenza. Quindi, eventi come questo sono più necessari che mai”.

In apertura, l’eurodeputata Elsi Katainen (Renew Europe, Finlandia) ha dichiarato: “Accolgo calorosamente la proposta della Commissione sulla modifica della convenzione di Berna […] Come decisori politici, ricordiamo sempre le conoscenze scientifiche, i recenti sviluppi e miglioramenti. Questa è anche la questione oggi con le popolazioni di lupi [..] e la situazione è molto diversa rispetto a 30 anni fa. Una gestione rigorosamente regolamentata e sostenibile […] sarebbe uno strumento aggiuntivo per garantire l’inclusione e l’emancipazione delle popolazioni rurali garantendo al tempo stesso la conservazione del lupo. I lupi fanno parte della natura, non vivono nei cortili o nelle stalle degli animali”.

L’eurodeputato Juan Ignacio Zoido (PPE, Spagna) ha dichiarato che “I dati oggettivi sono più potenti delle narrazioni. Vorrei sottolineare un dato sconfortante per confermare che il lupo è davvero un problema in crescita: ogni anno i lupi uccidono tra i 30 e i 40.000 capi di bestiame […] A coloro che criticano gli allevatori – e noi, i loro rappresentanti – per aver spinto per un declassamento dello status di protezione del lupo, abbiamo detto più volte che il controllo delle popolazioni di lupi è essenziale per rendere la vita più facile alle persone colpite”.

L’eurodeputato Herbert Dorfmann (PPE, Italia) ha sottolineato come “La Direttiva Habitat dell’UE del 1992 è servita al suo scopo in un’epoca in cui era necessaria una protezione rigorosa. Oggi la situazione è diversa e dobbiamo adattare la legge alla nuova normalità. Adattare la legislazione non significa che i lupi cesseranno il loro comportamento naturale di caccia. Continueranno ad attaccare le prede più facili a disposizione. Ma fornisce un maggiore spazio di intervento nelle aree in cui i lupi si stanno espandendo rapidamente e, soprattutto, ripristina la certezza del diritto. L’attuazione dei piani di gestione deve essere garantita dalla politica, non da decisioni arbitrarie della magistratura”.

Per il deputato Thomas Waitz (Verdi, Austria) invece “Il lupo è qui per restare. È vitale per la nostra biodiversità e per le nostre foreste. La spinta dei conservatori a modificare lo status di protezione del lupo è un dibattito senza fondamento. Anche con uno status di protezione inferiore, il lupo continuerà a far parte del nostro ecosistema. L’attuazione di misure di prevenzione dei danni al bestiame è l’unica soluzione praticabile per gli allevatori. Invece di cedere al populismo, dovremmo lavorare su soluzioni che aiutino gli allevatori ad adattarsi a una coesistenza pacifica”.

Il Dr. Humberto Delgado Rosa, Direttore per la Biodiversità, DG Ambiente, Commissione Europea, ha dichiarato che: “La proposta della Commissione di aggiornare lo status di protezione del lupo nella Convenzione di Berna è attualmente all’esame degli Stati membri. Indipendentemente dal suo esito, le autorità degli Stati membri dovrebbero utilizzare al meglio tutti gli strumenti e le opportunità di finanziamento, già disponibili nell’ambito della legislazione vigente, per ridurre i conflitti e migliorare la coesistenza. La Commissione continuerà a promuovere le buone pratiche e a incoraggiare il coinvolgimento di tutte le parti interessate nella ricerca e nell’attuazione di soluzioni di coesistenza efficaci, in linea con la nostra legislazione e con gli obiettivi politici comuni”.

Il dottor John Linnell, scienziato senior dell’Istituto norvegese per la ricerca sulla natura, ha spiegato che: “Siamo chiaramente a un bivio quando si tratta del futuro della gestione del lupo in Europa. Negli ultimi decenni si è assistito a una spettacolare ripresa delle popolazioni di lupi. Da un lato, questo è un successo straordinario per la conservazione, ma non c’è dubbio che rappresenti anche una sfida significativa per molte comunità rurali. Non siamo più in una fase in cui stiamo salvando i lupi dall’estinzione. Ora dobbiamo imparare a conoscere e a convivere con questo successo. Dobbiamo trovare un rapporto sostenibile con questi vicini a volte difficili. È un territorio inesplorato. Non ci sono soluzioni facili, ma è importante affrontare questo processo utilizzando tutto ciò che abbiamo imparato sull’uso di una scienza rigorosa e di processi trasparenti e inclusivi”.

Luis Suarez, coordinatore per la conservazione del WWF Spagna e membro dell’Iniziativa Grandi Carnivori per l’Europa, ha dichiarato che: “I lupi, come altri grandi carnivori, sono predatori e si trovano al vertice della piramide alimentare dell’ecosistema, svolgendo un ruolo vitale nel mantenere l’equilibrio dell’ecosistema e una sana biodiversità. Dobbiamo concentrarci nel trarre vantaggio da questi benefici e nel sostenere attivamente coloro che coesistono con loro. Gli attuali schemi di finanziamento offrono molte possibilità di coesistenza che dovrebbero essere pienamente esplorate e attuate dagli Stati membri. Ma è anche tempo di lavorare a stretto contatto con le comunità locali e gli allevatori di bestiame intensivo per evidenziare i loro problemi reali e cercare soluzioni nella nuova PAC. È tempo di dare un sostegno supplementare a coloro che vivono davvero in equilibrio con la natura, contribuiscono alla sua conservazione e forniscono benefici alla società”.

Parlando delle sfide e delle opportunità per la conservazione e la gestione del lupo in Europa, Niall Curley, Policy Advisor del COPA COGECA, ha dichiarato: “Gli agricoltori accolgono con favore le misure di conservazione della biodiversità, purché producano chiari effetti positivi sia per la natura che per l’agricoltura”. Lo studio pubblicato in concomitanza con la proposta ha rilevato che nel 2023 nell’UE ci saranno oltre 20.000 lupi, rispetto agli 11.193 del 2012. Con una popolazione così incontrollata nell’UE, ogni anno vengono uccisi oltre 65.500 capi di bestiame. Le misure di protezione e le misure di compensazione funzionano. Ma quando gli attacchi aumentano di mese in mese e di anno in anno, ci si rende conto che i soldi non vengono destinati alle persone giuste. È fondamentale che gli Stati membri abbiano la possibilità di mettere in atto piani di gestione delle popolazioni che permettano loro di sostenere le popolazioni che non sono in buone condizioni o in buono stato di conservazione, e di affrontare allo stesso modo il numero crescente di lupi”.

, ,

Le foto presenti su La Dea della Caccia sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo alla redazione - info@ladeadellacaccia.it - che provvederá prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.