TOP-MENU

Agility-FIDASC

4 CAMPIONI PER 4 CATEGORIE NEL GRAND PRIX DI AGILITY ALLO STADIO DEI MARMI

Per la seconda volta, dopo lo storico debutto del 1° luglio 2014, con il Gran Galà del Dog Festival patrocinato dal Coni, la Fidasc e i cani tornano ufficialmente nella Casa dello Sport italiano, nell’incomparabile cornice dello Stadio dei Marmi, e stavolta non per una pittoresca passerella ma, come si addice ad uno stadio – e che Stadio! – per una vera e propria competizione agonistica.

Il Grand Prix, come tutte le attività cinotecniche della Fidasc e, di conseguenza, del Coni, non è stata una “prova”, una “verifica zootecnica” o una “esposizione di bellezza” ma una vera gara sportiva. Uno sport “speciale” (come l’equitazione) che vede impegnati, in maniera paritetica, un atleta umano e un atleta a quattro zampe, in questo caso canino, che si fondono quasi in un’unica figura che ci è piaciuto definire “Atleta a sei zampe”.

Lo sport con il cane, di esclusiva competenza Fidasc, è un universo vastissimo che spazia dalla Cinofilia Venatoria (senza sparo) con cani da ferma, cerca e seguita, all’Agility; dal Cinowork (Protezione civile sportiva, Obedience, Cinocross) fino alle specialità dello Sleddog (cani da slitta).

E a proposito di questo sport, non è certo casuale che proprio alla vigilia del Grand Prix, presso la Scuola dello Sport del Coni, al Centro Giulio Onesti dell’Acqua Acetosa, si è svolto il primo Workshop sulle varie specialità dei cani da slitta alla presenza della signora Helen Lundberg, presidente dell’IFSS (International Federation of Sleddog Sports – Federazione Internazionale degli sport con i cani da slitta) il massimo organismo mondiale del quale la Fidasc sta entrando a far parte.

Nel corso della breve cerimonia di apertura, hanno preso la parola Felice Buglione, presidente della Fidasc, Massimo Perla, coordinatore nazionale della specialità e Francesco Proietti, presidente del Csen (Centro Sportivo Educativo Nazionale) che è stata la culla dell’Agility in Italia.

E’ stata inoltre presentata agli spettatori una vasta rappresentanza della nazionale Azzurra che nell’8° Campionato Mondiale, svoltosi a metà maggio in Olanda, con la partecipazione di 388 “Atleti a sei zampe” provenienti da ben 40 Paesi, ha conquistato il prestigioso titolo di Campione del Mondo Pentathlon a squadre ed altre tre medaglie d’oro individuali oltre a due di bronzo.

Prima che iniziasse la lunga e appassionante competizione con i ragazzi “Under 18”, e poi durante un intervallo per il cambio dei campi e dei percorsi, ci sono state alcune applauditissime esibizioni di Adrian Stoica, campione europeo di Disc Dog; di Gianni Orlandi e di Lucrezia Brambilla, componenti della squadra nazionale di Dog Dance.

La gara si è conclusa con il fresco serale laureando i quattro campioni del 1° Grand Prix, uno per ciascuna delle quattro categorie previste dal regolamento e che suddividono i binomi in base all’altezza dell’ausiliare: 300, 400, 500 e 600  mm.

Le classifiche complete della gara Under 18 e del Grand Prix sono consultabili sul sito ufficiale della Fidasc (www.fidasc.it) dove è pubblicata anche una vasta galleria fotografica dell’evento.

 

Le foto presenti su La Dea della Caccia sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo alla redazione - info@ladeadellacaccia.it - che provvederá prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.