TOP-MENU

lupi

AGIA-CIA BASILICATA, NUOVI ATTACCHI DA LUPI E CINGHIALI

Le restrizioni alla socialità necessarie a contenere il diffondere del Coronavirus, stanno facendo emergere, inevitabilmente, con ancora più forza il problema della fauna selvatica. La natura meno frequentata dall’uomo è, infatti, tornata appannaggio degli animali, soprattutto di lupi e cinghiali. A riportare l’attenzione sul tema, segnalando nuovi casi, sono i giovani di Cia Basilicata.

Nella nota si segnala, infatti, un nuovo attacco a gregge da parte dei lupi. È accaduto, nello specifico, a Lagopesole dove due soli lupi sono riusciti a fare una strage di pecore nell’Azienda di Leonardo Lorusso.

A questo brutto episodio si aggiungono i continui avvistamenti di cinghiali che sono diventati ancora più numerosi rispetto alla fase pre-coronavirus in particolare a Tursi, Valsinni e Noepoli con gravi danni a colture. Lupi e cinghiali avvertono che si è diradata la presenza di agricoltori e allevatori e osano di più nell’avvicinarsi alle aziende.

I giovani di Cia Basilicata lanciano, dunque, l’appello a non abbassare la guardia sui danni da fauna selvatica, accogliendo favorevolmente il progetto dell’ Associazione Regionale Allevatori di Basilicata (Ara) avviato in collaborazione con la Regione Basilicata, il supporto dell’Ente Nazionale Cinofilia Italiana (Enci) e del Circolo del Pastore Maremmano Abruzzese (C.P.M.A.) “Un cane per un lupo”.

Già nel 2017, infatti, l’associazione aveva sottolineato l’importanza dell’iniziativa “salviamo capre e lupi” del Parco Nazionale del Pollino progetto (finanziato dal ministero dell’Ambiente dal 2013, è attuato dall’Ente Parco dal Pollino insieme con altri cinque parchi nazionali dell’Appennino meridionale). L’iniziativa evidenzia l’attenzione dell’ARA verso il tema “danni da fauna selvatica” in modo innovativo.

I giovani di Cia Basilicata approfittano dell’azione dell’ARA per ribadire l’importanza di una maggiore attenzione al tema dei danni da fauna selvatica, non solo lupi ma anche cinghiali. Il rischio -dichiarano- è di trovarsi, una volta finita l’emergenza, di fronte ad una situazione fuori controllo. Gli animali selvatici, i cinghiali soprattutto, stanno invadendo le campagne procurando danni gravi danni a campi seminati, ortaggi e vigneti e mettendo a repentaglio anche l’incolumità degli agricoltori che ogni giorno rischiano di essere attaccati. La proliferazione senza freni dei cinghiali sta alterando anche l’equilibrio ambientale nelle aree protette. Le campagne invece sono lasciate a loro stesse.

“Con i cinghiali che stanno aumentando in maniera incontrollata -afferma il presidente di Agia-Cia Basilicata Rudy Marranchelli-, è necessario dare seguito al pressing sul tema già avviato da tempo da Cia a livello nazionale”. Quella chiesta da Cia-Agricoltori Italiani è, infatti, una riforma radicale della legge sulla fauna selvatica per risolvere concretamente un problema ormai fuori controllo, tra danni milionari ad agricoltura e ambiente, rischio malattie, incidenti stradali sempre più frequenti e minacce alla sicurezza dei cittadini anche nelle aree urbane.

Una proposta di modifica della legge 157/92 che regola la materia. Sette punti chiave per invertire la rotta sulla questione degli animali selvatici (ungulati, storni, nutrie), diventata insostenibile in tutto il territorio nazionale, aggiornando una legislazione obsoleta e totalmente carente sia sul piano economico che su quello ambientale. Deve essere rafforzata l’autotutela degli agricoltori – Sui propri terreni, i produttori devono poter essere autorizzati ad agire in autotutela, con metodi ecologici, interventi preventivi o anche mediante abbattimento. Ad oggi, i danni diretti al settore agricolo accertati dalle Regioni corrispondono a 50-60 milioni di euro l’anno. Secondo Cia, gli agricoltori hanno diritto al risarcimento integrale della perdita subita a causa di animali di proprietà dello Stato, comprensivo dei danni diretti e indiretti alle attività imprenditoriali. Bisogna superare la logica del “de minimis”; mentre criteri, procedure e tempi devono essere omogeni sul territorio, con la gestione affidata alle Regioni. cia

, , , ,

Le foto presenti su La Dea della Caccia sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo alla redazione - info@ladeadellacaccia.it - che provvederá prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.