TOP-MENU

net

AL VIA A FINE LUGLIO IL PROGETTO NET PER LA NOTTE EUROPEA DEI RICERCATORI 2020

La Notte europea dei ricercatori da quest’anno si arricchisce di un nuovo progetto. Si chiama “NET” e il suo obiettivo è quello di creare una rete attiva fra scienza, cultura e società.

La Notte è stato un appuntamento fisso dell’ultimo venerdì di settembre sin dal 2005, quest’anno, in via eccezionale a causa dell’emergenza Covid-19, si svolgerà venerdì 27 novembre, ma già da questa estate prenderanno il via gli eventi preparatori di NET che terranno alta l’attenzione fino ad allora.
Saranno i ricercatori, le istituzioni, il mondo delle associazioni, i protagonisti del mondo della cultura e dell’arte e tutti quegli attori che operano sul territorio che promuoveranno la scienza attraverso un’informazione semplice, diretta e coinvolgente ma, allo stesso tempo, rigorosa e autorevole, grazie ad un partenariato scientifico d’eccellenza. Al progetto NET aderiscono infatti dieci fra i più importanti Enti pubblici di ricerca ed Università del nostro Paese: CNR (che ne è anche il capofila), ENEA, INAF, INGV, ISPRA, CINECA, Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, Sapienza Università di Roma, Università degli Studi della Tuscia, Università Telematica Internazionale UNINETTUNO.

Ulteriori informazioni