TOP-MENU

ARMI, DETENZIONE E COMMERCIO

ARMI, DETENZIONE E COMMERCIO: IL VOLUME DI ASSOARMIERI DALL’HIT SHOW DI VICENZA

Mentre il ministro dell’Interno Matteo Salvini annuncia l’approvazione entro la primavera della legge sulla legittima difesa, anche l’opinione pubblica si confronta sulla detenzione e produzione di armi, sulla loro circolazione e il loro commercio. È proprio incentrato su questi temi il volume della collana di Assoarmieri, pubblicato dalle edizioni The Skill Press, dal titolo “Commercio e detenzione di armi. Le novità normative del D.Lgs. 104/2018. Una chiave di lettura critica degli interessi coinvolti: esperti a confronto”, disponibile sulle piattaforme web Amazon e Kindle nel formato eBook. La pubblicazione trae spunto dal convegno giuridico nazionale di studio sulla disciplina delle armi tenutosi lo scorso 10 febbraio al Vicenza HIT Show, la fiera internazionale per caccia, tiro sportivo e outdoor.

Dalla tipologia di armi che è possibile detenere alle corrispondenti modalità d’uso, dai criteri di concessione del porto d’armi alla distribuzione delle munizioni, il decreto legislativo n. 104 del 2018, che recepisce la direttiva europea n. 853/2017, ha profondamente innovato la disciplina del settore. Nel libro, i contributi degli esperti analizzano l’incidenza delle nuove norme sulla giurisprudenza e sul sistema nazionale, mettendo in luce anche le criticità che appesantiscono l’attuale regime.

L’avvocato Antonio Bana (partner dello studio legale Bana di Milano e presidente di Assoarmieri) dà voce agli addetti ai lavori del settore armiero, spiegando se e in che misura suggerimenti e richieste provenienti da questo ambito sono stati effettivamente accolti. Mentre Biagio Mazzeo (procuratore capo presso il tribunale di Lanusei) fa chiarezza sulle regole vigenti in materia di acquisto, detenzione, denuncia, custodia e trasporto di armi, Claudio Biscaretti Di Ruffia (docente universitario di Diritto internazionale e comunitario) illustra come le recenti modificazioni si inseriscano all’interno del sistema normativo nazionale e nella giurisprudenza europea e internazionale. Spiccano, inoltre, i contributi di Emanuele Paniz (direttore generale del Banco Nazionale di Prova) sulle nuove sfide per l’ente chiamato a controllare e validare tutte le armi prodotte o immesse nel Paese, Ugo Ruffolo (professore ordinario di Diritto Civile presso l’Università di Bologna, nonché avvocato e noto volto televisivo) sulle responsabilità connesse ai profili di danno da prodotto, Ruggero Pettinelli (giornalista di Armi e Tiro) sulla disciplina giuridica dei caricatori, e Davide Sibilio sul rilascio e la revoca del porto d’armi.

ARMI, DETENZIONE E COMMERCIO

,