TOP-MENU

barbara mazzali

CACCIA, MAZZALI (FDI): HO PRESENTATO ESPOSTO A IAP PER CARTELLONE CONTRO LA CACCIA AFFISSO A BRESCIA

Così Barbara Mazzali, consigliere regionale di Fratelli d’Italia, commenta il manifesto firmato “LEAL – Lega Antivivisezione”, che raffigura mani grondanti sangue e la scritta “la caccia sarebbe uno sport più interessante se anche gli animali avessero il fucile” comparso a Brescia, quartiere Sant’Eufemia.

“Quel manifesto è vergognoso e inaccettabile. Quelle immagini rimandano a una realtà che non esiste se non nell’immaginazione di persone prevenute e faziose. Le immagini trattano la caccia come un crimine, dimenticando che è normata dalla legge e consentita dallo Stato. Accettiamo qualsiasi dibattito, ma deve partire da questo presupposto. Il cacciatore è un normale cittadino che paga le tasse e rispetta le regole e nessuno può permettersi di additarlo come un delinquente.

Nell’esposto ho detto che il manifesto veicola “un messaggio contro la caccia con una formalità di comunicazione falsa e offensiva dell’attività venatoria che a tutti gli effetti è una attività legittima e riconosciuta. L’immagine delle mani insanguinate danno un immediato percepito di una truce e criminale attività cosa che non è la caccia che invece è una disciplina riconosciuta e legittimata dalle Istituzioni Pubbliche con modalità e regolamenti molto rigidi e rispettose dell’ambiente Chiediamo per questo che questa comunicazione sia immediatamente oscurata e siano perseguiti sia il soggetto proponente del messaggio e sia la società che lo ha esposto”.

Se qualcuno preferisce non cacciare, non mangiare carne e non bere latte, è libero di farlo per quanto mi riguarda. Pretendiamo lo stesso trattamento da chi invece (gli animalisti) pensa di avere la verità e la legge in tasca. Mi sono stufata e pretendo rispetto”.

,

Le foto presenti su La Dea della Caccia sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo alla redazione - info@ladeadellacaccia.it - che provvederá prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.