TOP-MENU

PARCO EOLICO DI REGALBUTO

CCT: DIFENDIAMO L’AVIFAUNA E I MIGRATORISTI

Si è tenuta lo scorso 18 maggio 2020 in modalità di video conferenza, alla presenza di oltre 105 soggetti collegati, l’audizione preliminare inerente l’inchiesta pubblica relativa al progetto di un nuovo impianto eolico denominato “Giogo di Villore”.

Un impianto di dimensioni significative ed a forte impatto ambientale che interesserà, se realizzato, numerosi comuni dell’ Alto Mugello.

Alla udienza hanno partecipato anche il Presidente di Federcaccia Firenze Simone Tofani e la vice-Presidente regionale di Federcaccia Toscana Elisa Mazzei, membri autorevoli della Confederazione Cacciatori Toscani a dimostrazione di come l’Associazione e la Confederazione, unici soggetti venatori presenti, siano sensibili e mostrino grande interesse per una questione che riguarda uno degli ambienti meno antropizzati dell’appennino tosco-romagnolo e importante rotta migratrice per molte specie di avifauna, come dimostrato anche dalle analisi di importanti documenti storici.

Nei loro interventi sia Simone Tofani che Elisa Mazzei hanno affermato la contrarietà alla realizzazione dell’impianto; insieme ai propri esperti sono in corso gli approfondimenti e la raccolta dati sui flussi migratori e le possibili ricadute sull’avifauna, che saranno riportati accuratamente nelle osservazioni da presentare entro la data del prossimo 14 luglio 2020.

Nei vari interventi, molti dei quali non favorevoli alla costruzione dell’impianto, è stata richiesta la proroga delle scadenze per la presentazione delle osservazioni stesse, a causa delle difficoltà generate dalla pandemia che ha colpito l’Italia e il Mondo intero.

Nella audizione di ieri sono stati nominati Commissari l’ Avvocato Tamburini ed il Prof. Casagli, che insieme alla Presidente, Professoressa Giovanna Pizzanelli, formeranno il Comitato della inchiesta pubblica per giungere, attraverso 4 audizioni generali, alla relazione finale, nella quale verrà presentato il parere del Comitato; tale parere dovrà essere inviato, entro 90 giorni a partire dal 3 giugno prossimo, alla Conferenza dei Servizi della Regione Toscanache avrà il compito di decidere sulla realizzazione o meno dell’impianto.

La Federcaccia e la Confederazione Cacciatori Toscani non sono pregiudiziali all’uso delle energie rinnovabili, ma da attenti conoscitori dei territori  e della fauna selvatica, cercano di preservarne i fragili equilibri, nel rispetto dei concetti di Scienza e Conoscenza.  

Nelle prossime settimane pertanto, continuerà il nostro impegno per la difesa del territorio e con essa anche delle ragioni dei “cacciatori migratoristi”.

Le potenziali ricadute e gli effetti fortemente negativi che potrebbero ripercuotersi principalmente sull’avifauna migratoria, rappresentano un punto comune sul quale sarà possibile unire le ragioni dei cacciatori con la vera sensibilità ambientalista.

La Confederazione Cacciatori Toscanilancia pertanto un appello a tutti i cacciatori a sostenere questa battaglia a difesa dell’ambiente e della caccia.

, , ,