TOP-MENU

COMMISSIONI TIRO E QUELLA CULTURA E PROMOZIONE

FEDERCACCIA BERGAMO. NASCONO LE COMMISSIONI TIRO E QUELLA CULTURA E PROMOZIONE

La prima comunicazione è arrivata puntuale nel mese di maggio. Ecco l’ufficializzazione da parte del neo Consiglio di Federcaccia Bergamo della nuova Giunta, che vede alla Presidenza Michele Bornaghi, Vicepresidenti Lorenzo Bertacchi, Rolando Foresti e Giovanni Morlotti,  Segretario Dante Todeschini e Consiglieri Antonio Fontana, Francesco Bassanelli (Presidente C.A.C. Val Seriana), Augusto Malenchini (Presidente A.T.C. Pianura bergamasca), Maurizio Volpi(Presidente C.A.C. Prealpi bergamasche), Gianantonio Amighetti (C.A.C. Val Borlezza), Gianantonio Bonetti (C.A.C. Val Brembana) e Pierangelo Duci (C.A.C. Val di Scalve).

Il Consiglio ha deliberato la conferma della COMMISSIONE CINOFILA, il cui referente è il consigliere Fulvio Turani, e l’istituzione delle seguenti commissioni:

– COMMISSIONE TIRO (TIRO A VOLO E TIRO A SEGNO), con la finalità di coordinare le tante iniziative già intraprese dalle Sezioni comunali ed organizzarne di nuove per dare un ulteriore servizio ai Federcacciatori.

– COMMISSIONE CULTURA E PROMOZIONE, con lo scopo di coordinare le iniziative culturali in generale ed in particolare quelle rivolte ai giovani possibili futuri cacciatori, nonché implementare l’attività di comunicazione.

“Auspico un’ampia adesione, in particolare da parte di chi già organizza eventi, gare cinofile e di tiro, attività culturali e di formazione nelle scuole, oppure abbia competenze in queste materie -sono le parole del Presidente Bornaghi-. L’esigenza di affiancare ai servizi per i cacciatori e al dialogo istituzionale in merito alla legislazione venatoria anche l’attività di promozione di eventi, sagre, fiere, gare, di iniziative culturali e formative è particolarmente sentita dall’attuale Consiglio direttivo al fine di sensibilizzare l’opinione pubblica circa il valore tradizionale e sociale della caccia, con la speranza di avvicinare le nuove generazioni. Per il nostro futuro la pubblica considerazione è fondamentale e l’onere di tramandare la caccia grava su noi tutti”.

,