TOP-MENU

cacciatore

FIDC CALABRIA. VINCENTE AL TAR LA LINEA FEDERCACCIA E DEL COORDINAMENTO DELLE 7 AAVV REGIONALI

Come già comunicato e ormai noto con soddisfazione fra tutti i cacciatori calabresi, il Tar regionale ha rigettato il ricorso avanzato dal WWF avverso il calendario venatorio emanato dalla Regione Calabria.

L’ordinanza nella sua essenza appare chiara, dichiarando di riconoscere “che il parere Ispra non sia vincolante” e che il provvedimento adottato, ovvero il calendario venatorio regionale, “sia adeguatamente motivato in relazione al parere e che non sussistano i presupposti di irragionevolezza o illogicità”.

Alla luce di quanto espresso dal Tribunale, ci pare evidente che viene confermata ancora una volta la bontà del lavoro di supporto svolto negli anni da Federcaccia alla stesura del calendario venatorio regionale, concretizzatosi nel contributo scientifico parte integrante della memoria tecnica volta a  motivare i discostamenti della regione rispetto a quanto indicato dall’Ispra.

Altresì evidente è l’efficacia del regime di proroga del Piano Faunistico Venatorio Regionale, adottato dal Consiglio Regionale con due provvedimenti, la deliberazione 49 del 4 /8/2010 e la legge 26 del 2013, provvedimenti frutto della intelligenza e lungimiranza dell’allora presidente regionale della Federcaccia Gennaro Giuffrè, prodotti a cura e per impulso del sottoscritto, che all’epoca ricopriva la carica di consigliere regionale.

Per il positivo esito della vicenda sono state essenziali le memorie difensive, dei nostri legali, Avv. Alberto Bruni e Avv. Biagio Di Vece, adeguatamente supportati per la parte tecnico scientifica dal Dott. Michele Sorrenti, ai quali va ancora una volta il mio ringraziamento.

A chi si arroga nelle ultime ore meriti che non ha, e ai molti che lo ignorano, voglio ricordare che queste memorie difensive, nell’ottica e nel percorso di unitarietà tra le associazioni venatorie, sono state prodotte da Federazione Italiana della Caccia e congiuntamente dal Coordinamento Regionale delle AA.VV. riconosciute Federcaccia Calabria, ANLC Calabria, Enalcaccia, Arcicaccia Calabria, Anuu Migratoristi, Italcaccia ed EPS.

Una citazione, infine, merita l’efficacia dell’interfaccia operativa posta in essere con gli Uffici della Regione, da noi – pur nel rispetto e nella distinzione dei ruoli – minuziosamente curata, e un  ringraziamento va al Dott. Cosimo Caridi Dirigente responsabile dell’Ufficio Caccia della Regione Calabria e all’Avv. Angela Marafioti funzionario dell’Avvocatura Regionale, che ha prodotto la memoria difensiva della Regione, ed è intervenuta per l’Ente nel giudizio.

Tutto questo ha portato al pronunciamento a favore del Calendario Venatorio regionale che consente quindi il regolare inizio della stagione venatoria, e non certo improvvidi interventi che si vogliono presentare come risolutivi e che invece solo la solidità e la serietà del lavoro svolto con competenza da altri ha evitato si trasformassero in un clamoroso e penalizzante autogol.

Giuseppe Giordano, presidente regionale Federcaccia Calabria

, ,

Le foto presenti su La Dea della Caccia sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo alla redazione - info@ladeadellacaccia.it - che provvederá prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.