TOP-MENU

FIDC RIETI. ELIMINATORIE SANT'UBERTO

FIDC RIETI. ELIMINATORIE SANT’UBERTO: ECCO I MAGNIFICI DIECI DEL REATINO

Una competizione sana, sportiva, contraddistinta da massiccia partecipazione, con qualche piacevole sorpresa ma anche con alcune certezze consolidate, che rappresenteranno Rieti alle semifinali regionali. Sono stati i terreni spettacolari della zona addestramento cani (zac) di Borbona ad ospitare le Eliminatorie Provinciali Sant’Uberto della Federcaccia di Rieti, domenica scorsa 9 settembre. L’alta montagna lungo la quale si estendono i circa 300 ettari di zac ha ospitato concorrenti provenienti da tutta la provincia, giudicati dall’esperto Pietro Miluzzi e dal debuttante Antonio Marchioni, al suo primo campionato Sant’Uberto. Al delegato federale Felice Santacroce il compito di supervisionare l’operato di arbitri e conduttori, risultato davvero impeccabile sotto ogni aspetto. In prima linea come sempre, a dare una mano ovunque ce ne fosse bisogno, il presidente provinciale di Federcaccia Rieti Fiorenzo Panfilo, che non si tira certo indietro sia che occorra discutere con il politico di turno nella segreteria regionale Fidc sia che si tratti di “seminare” dei selvatici per i concorrenti di una prova cinofila.

Cinque i posti in palio per l’accesso alle semifinali regionali fra gli assoluti, tre per i veterani e uno ciascuno per le lady e gli under 30. Al termine della mattinata, a staccare il primo biglietto è stato Angelo Tavani, un nome che è una garanzia visto che da otre trent’anni compete nei circuiti cinofilo-venatori italiani ed europei. I suoi 61 punti gli sono valsi la vittoria di giornata. A seguire, con 57 punti Gabriele Maccadi, Alberico Castelli con 54, Ferdinando Beccarini e Daniele Tavani con 53. Fra i veterani vittoria di Mario Cavalli con 59 punti, seguito da Vinicio Marinelli con 58 e Luigi Miluzzi con 52. Sharon Scarpa, con i suoi 49 punti, rappresenterà le donne nella semifinale regionale, mentre a concorrere per gli under 30 sarà Dario De Angelis – qualificato con 41 punti.

Una giornata che segna un ulteriore, importante passo in avanti per la cinofilia reatina, come ha sottolineato lo stesso presidente Panfilo. Certamente ancora molto c’è da lavorare per raggiungere uno standard di base alto, ma i progressi non stentano a farsi vedere. In questo senso, la conferma della zac di Borbona e l’apertura della nuova zac di Stipes, nel comune di Ascrea, rappresentano due palestre fondamentali per la scuola del Sant’Uberto, non soltanto per la provincia di Rieti.

Federcaccia Lazio – Sezione Provinciale di Rieti

,

Le foto presenti su La Dea della Caccia sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo alla redazione - info@ladeadellacaccia.it - che provvederá prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.