TOP-MENU

fidasc logo

FIELD TARGET, BUONE LE PRIME

Un bronzo individuale e un 5° posto a squadre agli Europei di luglio in Ungheria ai quali hanno fatto eco un inaspettato e strepitoso 6° posto assoluto individuale e la nona posizione della squadra azzurra ai mondiali agostani in Portogallo.

Di più e di meglio non ci si poteva certamente aspettare alla prima apparizione sullo scenario internazionale della compagine italiana di Field Target, una delle ultime discipline sportive entrate a far parte della grande famiglia della Fidasc e del Coni.

Questa disciplina così suggestiva, infatti, mentre è relativamente giovane per il nostro Paese, viene praticata da anni in almeno una quarantina di nazioni in tutto il mondo e annovera formidabili campioni statunitensi e britannici che sfoderano con una impressionante regolarità prestazioni di altissimo livello tecnico.

Al Campionato Europeo svoltosi a luglio in Ungheria, a tenere alto il nome dello sport nazionale è stato Roberto Menichelli che è salito sull’ultimo gradino del podio, preceduto dal russo Sergey Zubenko e dal campione europeo, il magiaro Ferenc Sas. Lo stesso Menichelli ha poi conquistato una onorevolissima quinta piazza a Squadre insieme a Mario Sacco, Vincenzo Maccarone, Enzo Ceci e Alessandro Di Maggio.

Ma anche senza medaglie, la prestazione più significativa è stata quella ottenuta dagli Azzurri ai Mondiali in Portogallo, con il 6° posto assoluto individuale conquistato da Vincenzo Maccarone e la 9^ posizione (su 22 Paesi partecipanti) della squadra italiana, subito alle spalle di un colosso come gli Usa e prima di Russia, Argentina e Australia.

Sabato prossimo, alla vigilia del Campionato Italiano di Field Target che si svolgerà domenica 11 settembre nel nuovo Centro Federale di Campagna, inaugurato a giugno dal presidente del Coni Giovanni Malagò, il presidente Felice Buglione premierà gli atleti che si sono così onorevolmente comportati alla loro prima apparizione sullo scenario internazionale.

 

,