TOP-MENU

cartina laguna

ISPRA E ARPAV, 10 ANNI DI COLLABORAZIONE NEL MONITORAGGIO ECOLOGICO DELLA LAGUNA DI VENEZIA

A fine 2019 ISPRA ha concluso le analisi di laboratorio delle 77 stazioni di benthos campionate da maggio a giugno 2019 in Laguna di Venezia per la definizione dello stato ecologico dei macroinvertebrati bentonici ai sensi della Direttiva Quadro sulle Acque (2000/60/CE), condotte nell’ambito di uno specifico Accordo di Collaborazione con ARPA Veneto. I risultati delle elaborazioni dei dati e dell’applicazione degli indici ecologici saranno a breve disponili e trasmessi alle Autorità Competenti per gli obblighi istituzionali.

I ricercatori e tecnici dell’ISPRA di Chioggia sono impegnati da anni nel monitoraggio e valutazione dello stato di qualità della Laguna di Venezia, la più grande Laguna del Mediterraneo. È infatti dal 2009 che il gruppo ISPRA della Sezione Valutazione e Impatti degli Ambienti di Transizione di CN-COS opera insieme all’ARPAV nell’applicazione di quanto previsto dalla Direttiva 2000/60/CE, attraverso attività di campo, analisi, elaborazione e valutazione dei dati. In dieci anni di lavoro, sono stati pianificati, aggiornati ed eseguiti ben tre cicli di monitoraggio degli Elementi di Qualità Biologica, nonché dei parametri chimico fisici a supporto della classificazione dello Stato Ecologico.  A breve, ISPRA e ARPAV si appresteranno a pianificare il nuovo piano di monitoraggio per i prossimi tre anni. Inoltre la collaborazione prevedrà approfondimenti specifici sui Corpi Idrici Fortemente modificati.

Lo stesso gruppo di ricercatori di ISPRA, in collaborazione con altre strutture di ISPRA, è impegnato da anni nell’implementazione della Direttiva 2000/60/CE per le acque di transizione a livello nazionale e nella predisposizione dei Protocolli di monitoraggio e delle Linee Guida per l’applicazione degli Indici Ecologici assieme a Università e CNR.

La stretta e continua collaborazione tra la sezione Valutazione e Impatti degli Ambienti di Transizione ISPRA di Chioggia ed il Servizio Centro Veneto Acque Marine e Lagunari del Dipartimento Provinciale di Venezia di ARPAV ha permesso ai ricercatori di ISPRA, non solo di testare le Linee Guida, i Protocolli e la normativa Nazionale per l’implementazione della Direttiva 2000/60/CE, ma anche di instaurare un continuo confronto con l’Agenzia sulle problematiche metodologiche che emergono in fase di attuazione.

Gli approfondimenti tematici specifici per la Laguna di Venezia, che nascono da questa collaborazione, rappresentano un capitale informativo importante per il Sistema Nazionale coinvolto nel monitoraggio e valutazione dello stato ecologico degli ambienti di transizione. (Fonte ISPRA)

 

, ,