TOP-MENU

Passeggiata didattica in pineta a Ravenna con le scuole

LA FEDERCACCIA DEL RAVENNATE ATTIVA DA CASTELBOLOGNESE A CONSELICE

Pubblichiamo una serie di iniziative cha hanno visto protagoniste le sezioni ravennati della Federazione Italiana della Caccia.

Cominciamo da Castelbolognese, dove è giunto alla 37a edizione il concorso di disegno per le scuole elementari che ogni anno la sezione comunale organizza il giorno del 1° Maggio. Una ricorrenza cittadina molto partecipata e attesa da un anno all’altro con immutato entusiasmo. Oltre cento bambini quest’anno si sono cimentati nella prova di disegno a tema ambientale che vede messi in palio premi in cancelleria per le scuole.

Un brillante esempio di come una sezione cacciatori si sappia proporre alla società, in particolare ad una parte molto sensibile della società, i bambini, in una veste diversa, trovando punti di incontro e di colloquio con insegnanti e genitori. Trentasette anni durante i quali tanti federcacciatori locali hanno profuso impegno in questa iniziativa. E la storia continua. Un esempio che ha precorso da tempo quanto a livello nazionale è oggi impellente attuare.

Restando in tema, si sono concluse recentemente le giornate didattiche dedicate alle scuole materne ed elementari che il Comune di Ravenna organizza ogni anno con la collaborazione dell’Ambito Territoriale Caccia.

Rilevante la presenza di soci della FIdC ravennate nella veste di accompagnatori nella pineta storica di San Vitale per accompagnare le scolaresche a mettere a dimora nuove piantine e nelle escursioni didattiche alla portata dei piccoli alunni.

L’iniziativa richiede un impegno puntuale e molto attento, dati i numeri: cinquemila i bambini accompagnati quest’anno in pineta insieme ai loro insegnanti. L’iniziativa ebbe inizio trentadue anni fa, e deve la sua longevità alla collaborazione attiva e concreta di tante realtà fra loro diverse e a volte anche distanti. Ognuna, a seconda della propria vocazione o disponibilità, ha messo a disposizione risorse umane o monetarie credendo all’importanza dei contenuti proposti e alla necessità di offrirli a tante nuove generazioni.

L’avvio ufficiale, per fare un po’ di storia, venne innescato da un’esperienza di successo nata a metà degli anni ‘80 presso un Circolo Didattico ravennate, all’interno del quale sia il Preside che alcuni insegnanti e genitori raccolsero la proposta di un rappresentante dei genitori, Piero Errani, federcacciatore e più volte campione italiano di carabina olimpica, tuttora impegnato in questo evento annuale, dando vita alle prime uscite in pineta per la messa a dimora di nuove piante e alla scoperta delle bellezze naturali del luogo.

Ad oggi la manifestazione del Mese dell’Albero in Festa è forse la maggiore in Italia nel suo genere, e annovera prestigiosi patrocini fra i quali quelli del Ministero dell’Ambiente, della Regione Emilia-Romagna, del Parco del Delta del Po e del Centro Servizi Amministrativi di Ravenna (ex Provveditorato).

Iniziativa rivolta questa volta a tutti, la sezione comunale di Conselice fa sempre il pieno per la sua festa annuale. Familiari, parenti e amici si ritrovano dopo la chiusura della stagione venatoria per un pranzo sociale a base di selvaggina “a chilometro zero”, cioè quella cacciata dai soci della sezione o da fedeli amici. Quest’anno il saluto è stato dato dal nuovo presidente, Marco Passardi.

Nel corso del pranzo è stato chiamato sul palco il past-president Silvano Cardinali, per ringraziarlo dell’appassionato lavoro svolto nei tanti anni di carica e per omaggiarlo con un pregevole coltello da caccia. Intrattenimento musicale con l’ocarina (tradizionale strumento a fiato di terracotta), lotteria, buona cucina e bella compagnia hanno fatto da legante fra cacciatori e non, a dimostrazione che la caccia è in grado di proporsi fra la gente anche in vesti diverse da quella vocazionale. Una strada da battere con determinazione e costanza. (R.A.)

 

,