TOP-MENU

elezioni europee 2019

L’ANIMALISMO ESCE SCONFITTO DALLE URNE

Debacle del Movimento 5 Stelle e del Partito Animalista.

Aldilà di ogni altra valutazione più approfondita, la Confederazione Cacciatori Toscani  intende evidenziare come il voto di ieri abbia emesso un verdetto chiaro e incontrovertibile: la sconfitta dell’ Animalismo e di ogni velleitarismo anti-venatorio. Il risultato del M5S, del Partito Animalista e quello della Lega – letti congiuntamente – ci dicono che i temi dell’Animalismo, dell’ Ambientalismo compassionevole e della lettura disneyana della natura, non hanno alcun seguito nella vita reale dei cittadini e nelle dinamiche concrete della società.

Il risultato da prefisso telefonico del Partito Animalista, la disfatta del M5S, il grande successo elettorale della Lega e il buon risultato del primo partito di opposizione, il Partito Democratico (che ha da sempre mantenuto una posizione non contraria all’ attività venatoria), confermano che i reali bisogni del paese sono distanti anni luce da una certa sensibilità da “salotto” .

Con la tornata elettorale del 26 maggio è stato sconfitto, speriamo per sempre, quello strabismo tanto di moda, che ha ritenuto certa pseudocultura un’avanguardia della società.

Le urne hanno parlato con voce stentorea.  L’auspicio è che venga finalmente ristabilita una scala di priorità nella quale il benessere animale, la salvaguardia dell’ambiente  e gli equilibri faunistici, siano governati dal primato della ragione. In tal caso i cacciatori sapranno certamente fare la loro parte e portare un contributo nel Paese ed in Europa.