TOP-MENU

fermi immagine

LE PERNICI? SONO OTTIME DA MANGIARE

Così risponde alla perplessità della nota conduttrice Mara Venier il presidente di Federcaccia Lecce, Giovanni Ciccarese in una lettera inviata alla Direzione di “Domenica in” e alla stessa conduttrice. Eccola:

“Gentile signora Venier: LE PERNICI SI MANGIANO. L’ingenua Rocio Morales, durante la sua intervista, le ha citato un detto augurale spagnolo “Siate felici e mangiate pernici”.

A fronte di questa espressione lei è rimasta disorientata, abbozzando un silenzioso “Le pernici che c’entrano le pernici non si mangiano”.

Ed invece si cara signora Venier, che stimo, ammiro e seguo da tanti anni, Le pernici si mangiano.

Solo che nel Paese di Rocio Morales, non vi è quel falso ambientalismo radicale ed esasperato che, inquinando il vero significato di ambiente e protezione, arriva a proibire a Carlo Cracco di cucinare il piccione o agli italiani di mangiare la selvaggina.

E’ tutto un approccio sbagliato. Si mangiano le pernici come si mangiano i polli, si mangiano i fagiani come i piccioni, le lepri come i conigli. E che dire poi dei tordi in salmì o dell’anatra all’arancia o le costolette di capriolo o cinghiale.

Mia cara signora Venier, liberiamoci una volta per tutte dalle influenze del falso ambientalismo ed abbracciamo senza riserve la cultura e la tradizione della cucina italiana, che comprende anche la carne da selvaggina. La migliore.

Saluti da un suo grande ammiratore di sempre. Avv. Giovanni Ciccarese, Presidente Provinciale Federcaccia Lecce”.

Le foto presenti su La Dea della Caccia sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo alla redazione - info@ladeadellacaccia.it - che provvederá prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.