TOP-MENU

Fabio Rolfi

LOMBARDIA. PSR: PARTITA LA CONSULTAZIONE ONLINE, VIA AL CAMBIAMENTO

“Nel 2019 iniziano i lavori per programmare in maniera adeguata la strategia di distribuzione di risorse in ambito agricolo nel settennato 2021 – 2027. Per la prima volta abbiamo aperto una consultazione online rivolta ad agricoltori e consumatori: vogliamo definire le priorità di intervento per rimanere al passo con i tempi e garantire futuro e redditività alle nostre aziende agricole. Si tratta di un cambiamento che riguarderà tutti i lombardi, perché il cibo e i prodotti agroalimentari sono un patrimonio collettivo”. Lo ha detto Fabio Rolfi, assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi della Regione Lombardia che ha dato il via alla consultazione online per programmare le priorità del prossimo Psr lombardo.

La consultazione online sarà aperta dal 1 al 31 marzo. La Regione Lombardia ha inviato una comunicazione a 500 stakeholder per coinvolgerli nella partecipazione: associazioni di categoria, consorzi di bonifica, enti istituzionali. Il link al questionario è:

http://www.psr.regione.lombardia.it/wps/portal/PROUE/FEASR/programma/futuro-agricoltura-lombarda-consultazione-online/

Dopo la consultazione online, sarà definito un dossier con i dati del settore agricolo, silvicolo, agroalimentare e sulle aree rurali e saranno analizzati i primi esiti delle attività del piano di sviluppo rurale 2014-2020.

“Istituiremo quattro tavoli tecnici – ha dichiarato l’assessore regionale all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi Fabio Rolfi – dedicati a competitività e innovazione, tutela dell’ambiente, foreste e sviluppo delle aree rurali. Ogni tavolo sarà composto da circa 15 esperti, espressione dei principali referenti istituzionali e tecnici, che si riuniranno indicativamente nell’arco di tempo da giugno a settembre, per sviluppare le più opportune scelte strategiche per Regione Lombardia nell’ambito della PAC 2021-2027”.

“Al termine di questo processo di condivisione – ha concluso Rolfi – convocheremo a palazzo Lombardia gli Stati generali dell’agricoltura. Vogliamo costruire un percorso condiviso con le associazioni di categoria e farci trovare preparati quando sarà il momento di presentare la nostra proposta in sede europea”.

, ,