TOP-MENU

Logo Paladini del Territorio

QUESTO WEEKEND PARTE L’OPERAZIONE PALADINI DEL TERRITORIO: PIÙ DI 2000 PERSONE COINVOLTE IN 14 REGIONI ITALIANE

Il 21 maggio 2022 sarà la prima giornata dedicata all’Operazione Paladini del Territorio, l’iniziativa promossa da Fondazione UNA – Uomo, Natura, Ambiente – nata sulla spinta del mondo venatorio per contribuire attivamente alla preservazione e cura delle aree verdi e, in generale, dell’ambiente. Protagonisti saranno i cacciatori e i cittadini di diverse regioni e province italiane, che insieme metteranno a punto una organica opera di pulizia delle aree colpite dall’inquinamento.

In particolare, saranno 90 le attività di recupero e salvaguardia dell’ambiente previste in 14 diverse regioni, per una partecipazione totale di oltre 2000 persone, che hanno risposto con grande entusiasmo all’appello di Fondazione UNA.

Maurizio Zipponi, presidente di Fondazione UNA, ha commentato il grande successo dell’iniziativa dichiarando che “la Fondazione è entusiasta della massiccia partecipazione delle associazioni venatorie all’evento. L’adesione di più di 2000 volontari alle varie attività sul territorio evidenzia il profondo legame di rispetto che lega il cacciatore all’ambiente in cui opera. Fondazione UNA, così come l’intero mondo venatorio, è fortemente impegnata a favore dell’ambiente, della sua tutela e della custodia della biodiversità che caratterizza il territorio nazionale”.

Ogni associazione locale ha deciso di intervenire e di programmare attività specifiche per rispondere alle necessità caratteristiche di ciascun territorio. Le attività previste nelle varie regioni sono ripartite come segue:

  • In Calabria sono previste 12 attività relative alla pulizia di boschi, argini, sentieri montani e spiagge nelle province di Cosenza, Crotone Reggio Calabria e Vibo Valentia.
  • In Campania sono state confermate 3 azioni di rimozione di rifiuti da spiagge e boschi dei territori nelle province di Napoli e Caserta.
  • In Friuli-Venezia Giulia sono state organizzate 3 azioni di pulizia di boschi, sentieri e zone urbane degradate localizzate nelle province di Trieste e Udine.
  • Nel Lazio sono state programmate 3 azioni di pulizia dei boschi, sentieri e zone urbane, localizzate nelle province di Roma e Frosinone.
  • In Lombardia sono state confermate 20 attività di pulizia di boschi, sentieri, aree urbane ed argini di fiume, localizzate nelle province di Bergamo, Brescia, Lecco, Monza-Brianza e Varese.
  • Nelle Marche sono previste 2 azioni di pulizia degli argini del fiume di zona, localizzate nella provincia di Macerata.
  • In Molise è stata confermata l’azione di pulizia degli argini del fiume Volturno organizzata nella provincia di Isernia.
  • In Piemonte sono state programmate 11 attività di pulizia di boschi, aree urbane ed argini di fiume localizzate in provincia di Torino e Biella.
  • In Puglia sono state confermate 17 diverse attività di pulizia di boschi, sentieri e spiagge presenti sul territorio della provincia di Lecce, Foggia e BAT.
  • In Sardegna si opererà per la pulizia di boschi e sentieri nella provincia di Cagliari.
  • In Sicilia è prevista la partecipazione di 4 associazioni, localizzate in tre province, che opereranno per la pulizia di boschi e sentieri della zona.
  • In Toscana sono state confermate 6 attività di pulizia di boschi e sentieri presenti nelle province di Arezzo, Firenze, Livorno, Lucca, Siena
  • In Umbria sono state organizzate 3 attività di pulizia di boschi, sentieri ed aree urbane della provincia di Perugia e Terni
  • In Veneto sono state confermate 2 attività di pulizia degli argini della laguna e delle aree urbane interessate dall’iniziativa nelle province di Venezia e Verona.

Fondazione UNA è un’organizzazione non governativa e no-profit, che dal 2015 rappresenta un luogo d’incontro tra mondo venatorio, ambientalista, agricolo e scientifico-accademico. Tramite queste giornate all’insegna dell’ecologia, sostanzia il suo impegno nel posizionare la figura del cacciatore come “Paladino del Territorio”, cioè custode degli equilibri faunistici e naturali dell’ecosistema.
L’attività venatoria deve, infatti, intendersi come mossa da un forte senso etico e di responsabilità, rappresentando un elemento utile e positivo a garanzia del mantenimento degli equilibri naturali.

,

Le foto presenti su La Dea della Caccia sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo alla redazione - info@ladeadellacaccia.it - che provvederá prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.