TOP-MENU

Face Exhibition by Alexander Louvet

SUCCESSO PER L’ESPOSIZIONE AL PARLAMENTO EUROPEO “CACCIA TRADIZIONALE NELLA REGIONE MEDITERRANEA”

Nel contesto dell’”Anno Europeo dei Beni Culturali 2018”, la FACE ha organizzato una mostra su “Caccia e cultura tradizionale nella Regione mediterranea“, ospitata dall’eurodeputato Remo Sernagiotto (gruppo ECR) al Parlamento europeo, a partire dal 30 aprile al 3 maggio.

L’eurodeputato Sernagiotto ha aperto la mostra presentandola come un’eccellente opportunità per promuovere il valore culturale della caccia tradizionale. Queste tradizioni sono un elemento importante dell’identità e della storia di molte comunità rurali nei paesi del Mediterraneo, dove i metodi di caccia tradizionali sono ancora presenti nella vita di tutti i giorni. Ha sottolineato l’urgente necessità di preservare queste antiche pratiche in una società moderna e sempre più urbanizzata.

Michele Sorrenti, direttore scientifico della Federazione Italiana di Caccia (FIDC) e presidente del gruppo di lavoro sulle Direttive Uccelli e Habitat di FACE, ha fornito una panoramica della varietà di metodi di caccia tradizionali regionali nei paesi del Mediterraneo. La caccia agli uccelli migratori ha un impatto culturale concreto e positivo; così come la cattura e l’utilizzo come richiami vivi di tordi e di piccoli passeriformi. La produzione di richiami fatti a mano per trampolieri e anatre, il mantenimento di habitat nelle vicinanze di appostamenti fissi e molte altre tradizioni di caccia che costituiscono identità passate e background culturali delle comunità locali e devono continuare a nutrire la passione per la natura futura e la conservazione della biodiversità.

Un approccio non scientifico nei confronti della direttiva sugli uccelli è problematico per molte forme di caccia tradizionale. Per questo motivo, FACE ha sollecitato un approccio corretto e ben bilanciato delle deroghe e degli approcci flessibili per attuare la direttiva Uccelli contribuirebbe a preservare metodi di caccia culturalmente rilevanti e sostenibili. Ciò è in linea con le recenti richieste del Parlamento europeo e del Consiglio di una maggiore flessibilità nell’attuazione della direttiva Uccelli. È anche importante notare che le attività di caccia tradizionali, come la falconeria, hanno dimostrato di esistere in modo sostenibile per 8000 anni. Le tecniche utilizzate dai Falconieri sono fondamentali per la conservazione e la riabilitazione dei rapaci.

La mostra è stata partecipata e supportata da diversi membri del Parlamento europeo – come l’on. Lara Comi (gruppo del PPE) e l’on. Jørn Dohrmann (gruppo ECR) – dai membri della FACE, dalle parti interessate e dal pubblico in generale.

Le foto presenti su La Dea della Caccia sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo alla redazione - info@ladeadellacaccia.it - che provvederá prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.