TOP-MENU

tiratori

TIRO A SEGNO. ARCHIVIATO IL CAMPUS ESTIVO TOSCANO DEL DOPO COVID-19

A Grosseto, presso l’hotel “Fattoria La Principina ” è andato in scena dal 20 al 24 Luglio scorso, il primo campus estivo del dopo COVID-19.

Un Campus unico nel suo genere  e primo  in Italia del dopo pandemia, che ha visto un nutrito numero  di partecipanti nonostante siano state strettamente osservate le restrittive regole del DPCM  ancora in vigore. Il  Presidente Regionale C.I.P. Toscana, Massimo Porciani, che si è avvalso della preziosa collaborazione delle segretarie dell’Ente, Silvia Tacconi e Francesca Pellicci , non si è infatti perso d’animo e insieme ai Tecnici  delle Federazioni Sportive Nazionali ha dato continuità ai tradizionali Campus Paralimpici destinati solo agli assistiti INAIL. Presente per l’occasione anche l’ortopedia Michelotti  che come sempre presenta i nuovi ausili per gli amputati e le nuove carrozzine adattabili.

Il compito dei Tecnici è stato molto impegnativo, poiché  con la loro inventiva fantasiosa hanno dovuto adattare la propria disciplina alle nuove regole e come sempre, alla diversa tipologia di disabilità.

Il presidente Porciani si dice soddisfatto  di come hanno operato i tecnici preposti, a partire dal nuoto con l’istruttrice Erica Picchi, che ha insegnato le tecniche del galleggiamento e respirazione,  continuando per l’altro istruttore Moreno Unti, nuovo entrato, che ha proposto la disciplina dell’orienteering, riscuotendo un inaspettato successo!

Molto bene anche il tennis in carrozzina con Mauro Gioli che ha premiato i finalisti con i suoi dipinti su legno; divertimento a non finire con l’istruttore di pallavolo e Sitting Volley  Roberto Marangone; istruttore molto preparato per l’adattabilità alla disciplina Fabio Giomi, che ha fatto tirare con l’arco anche gli amputati agli arti superiori;  accuratamente preparato anche il maestro di scherma Massimo Rosoni.

Molto accogliente invece lo stand di Tiro a Segno  con le due pistole Laser messe in campo dall’azienda “ Pardini Armi, “  proposto da Gino Perondi, del TSN Pescia, che per rendere più appetibili le sue lezioni le ha portate sul piano competitivo con premiazione finale dei primi tre classificati e Diploma di partecipazione per tutti gli assistiti. Inutile dire che i concorrenti si sono divertiti, soprattutto provando il vero gusto della competizione. Sul gradino più alto del podio si è posto Olgert Mato, con punti 397; lo segue Mirko Marinelli con 396 e Daniele Falippi con 395.

La grande incognita iniziale su come sarebbe andato l’incontro, adesso è solo un brutto ricordo… a giudicare dai commenti dei partecipanti, dall’entusiasmo generato durante le attività,  anche se tutti sono stati corredati di mascherine protettive viene spontaneo dichiarare che anche se con le dovute limitazioni il Campus resta sempre un  manifestazione  molto interessante sia sul piano  sociale che quello terapeutico. (G.P.)

 

Le foto presenti su La Dea della Caccia sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo alla redazione - info@ladeadellacaccia.it - che provvederá prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.