TOP-MENU

lo stand del tiro a segno

TIRO A SEGNO. DISPUTATA LA PRIMA GIORNATA PARALIMPICA A SIENA

L’Amministrazione Comunale di Siena in stretta collaborazione con il Comitato Italiano Paralimpico Toscana e l’ANMIC Siena, sono stati i principali organizzatori della giornata paralimpica che ha avuto luogo dentro la storica e medievale Fortezza Medicea di Siena, con il patrocinio dalla REGIONE TOSCANA ed il supporto di Inail, Rai, Eni, Toyota, Fondazione Terzo Pilastro, gruppo Mediobanca. Con loro, la preziosa collaborazione sia delle società sportive del territorio, che delle sezioni Rotary locali e delle associazioni di Volontariato, insieme  hanno promosso un’ampia offerta di attività ricreative, sportive e culturali che oltre a destare curiosità ed interesse, hanno creato una occasione per far conoscere gli sport più adatti alle varie capacità dei diversamente abili, tenendo sempre in primis il modello della Terapia Ricreativo-Sportiva.

Molto lunga è stata la lista di coloro hanno operato in questa straordinaria manifestazione e non sarebbe sufficiente una intera pagina per ringraziarli tutti, poiché ogni associazione, azienda, Ente Pubblico, società sportiva ed Istituti Scolastici territoriali in forma diversa, ma con la stessa passione, hanno dato il loro altissimo contributo sotto forma di disinteressata presenza, alimentando di fatto il piano integrativo.

Alle 10,30 un piccolo break dove il Vice-Sindaco di Siena dott Andrea Corsi, il Presidente del Comitato Italiano Paralimpico dott. Massimo Porciani, l’Assessore all’Infanzia ed alla Pubblica Istruzione,  Clio Biondi Santi e l’Assessore allo sport Silvia Buzzichelli del Comune di Siena, hanno chiamato a raccolta il folto pubblico di visitatori, per alcune riflessioni sul tema della disabilità. Hanno poi ringraziato tutti i presenti,  affermando che alcuni disabili, proprio grazie a questa giornata, mentre ritenevano di non essere capaci, scoprono, concentrandosi di più sulle proprie abilità, piuttosto che sulle loro disabilità, di  poter uguagliare o addirittura superare le prestazioni dei normodotati!

Ma vediamo le fasi salienti di questa prima giornata paralimpica: alle 7,30 all’arrivo delle prime società sportive e di volontariato trovano già operativi nel grande prato della Fortezza, il Campione paralimpico di scherma e delegato provinciale C.I.P Matteo Betti che insieme a Simone Marradi in collaborazione con la ditta Zanaga di Firenze, avevano già sistemato l’intera area. alle 8,30 arrivo di tutti gli studenti delle Scuole primarie, medie ed istituti superioni tra cui il Liceo Scientifico Sportivo, i quali si sono avvicendati insieme ai portatori di handicap, sulle stazioni di gioco-sport, propriamente istallate. Non poteva mancare il Tiro a Segno Pescia, sempre molto sensibile a questo genere di iniziative e che da circa tre anni è stato inserito fra le discipline Paralimpiche. Il tecnico del T.S.N. Pescia, ha chiesto ed ottenuto il prezioso aiuto dell’istruttrice senese Sabrina Benucci, così insieme hanno potuto tener testa agli oltre 1000 studenti ed ai ragazzi disabili che hanno partecipato. Alle 13,30 si sono chiuse le attività dimostrative, della lunga giornata. Stanchi ma soddisfatti per aver favorito un arricchimento sportivo e culturale alle generose  presenze che si sono avvicendate fra gli stand del gioco sport. (Gino Perondi)

alcuni stand della Fortezza Medicea

,