TOP-MENU

CIPRO: PALMITESSA D’ORO NEL TRAP,BARTOLOMEI D’ARGENTO NELLO SKEET

TIRO A VOLO. CIPRO: PALMITESSA D’ORO NEL TRAP,BARTOLOMEI D’ARGENTO NELLO SKEET

Bottino ricchissimo quello di oggi per le tiratrici azzurre impegnate nel Gran Premio Internazionale di Cirpo di Trap e Skeet. Sulle pedane di Nicosia le nostre portacolori hanno fatto incetta di medaglie, centrandone una d’oro e tre d’argento. Il risultato più prestigioso è arrivato dal Trap con Maria Lucia Palmitessa approdata al gradino più alto del podio con una prova da campionessa navigata. La ventenne tiratrice pugliese, originaria di Monopoli (BA) e appartenente al Gruppo Sportivo della Polizia di Stato, ha dimostrato di meritare pienamente il titolo di Campionessa del Mondo Juniores conquistato a Mosca nel settembre dello scorso anno. Entrata in finale con 119/125, secondo miglior punteggio alle spalle della compagna di squadra Alessia Montanino (Fiamme Azzurre) di Palma Campania unica ad aver fatto registrare 120/125, ha poi proseguito la sua cavalcata verso la vittoria superando indenne tutti gli sbarramenti e presentandosi al duello conclusivo contro la russa Liya Sharypova con u identico 34/40. Negli ultimi 10 piattelli Maria Lucia ha commesso solo un errore, mentre l’avversaria è inciampata due volte e con il punteggio di 49/50 a 48 si è assicurata l’oro. Solo quinta la comunque brava Montanino: fatali per la giovane tiratrice campana i tre errori commessi dopo la prima scrematura, che l’hanno bloccata al punteggio di 22/30. Niente finale per Federica Caporuscio (Carabinieri) di Roma e Silvana Stanco (Fiamme Gialle) di Winterthur, rispettivamente 13ª con 110/125 e 21ª con 103. Per quanto riguarda la gara a squadre, Palmitessa, Montanino e Stanco grazie al totale di 342/375 si sono assicurate anche l’argento a squadre alle spalle delle colleghe russe, prime con 347, e davanti a quelle finlandesi, terze con 331. Passando allo Skeet, la toscana Martina Bartolomei ha sfiorato l’impresa cedendo il passo solo alla slovacca Veronica Sykorova. Rientrata nel gruppetto delle migliori sei grazie al 119/125 collezionato in qualificazione, la portacolori dell’Esercito Italiano di Laterina (AR), ha duellato con spalla a spalla con l’avversaria fino all’ultimo piattello regolamentare costringendola allo spareggio per l’oro e l’argento sul punteggio di 52/60. Purtroppo per l’azzurra lo shoot-off ha premiato la slovacca con +2 a +1 e la vetta del podio, mentre alla nostra tiratrice è toccata la piazza d’onore. Obiettivo finale mancato per Simona Socchetti di Tarquinia (VT) e Chiara Di Marzinatonio di Cerveteri, anche loro fieramente appartenenti al Gruppo Sportivo dell’Esercito Italiano, rispettivamente 15ª e 18ª con il punteggio di 113/150. Anche in questo caso la prestazione delle azzurre nella classifica a squadre è stata premiata con una medaglia d’argento. Le nostre tre tiratrici sono salite sul secondo gradino del podio con il totale di 345/375. Meglio di loro solo le russe con 348.

RISULTATI Trap Femminile Individuale: 1ª Maria Lucia PALMITESSA (ITA) 119/125 – 43/50; 2ª Liya SHARYPOVA (RUS) 115 – 42; 3ª Tatiana BARSUK (RUS) 117 (+1) – 33/40; 5ª Alessia MONTANINO (ITA) 120/125 – 22/25; 13ª Federica CAPORUSCIO (ITA) 110; 21ª Silvana STANCO (ITA) 103. Trap Femminile Squadre: 1ª RUSSIA 347/375; 2ª ITALIA 342; 3ª FINLANDIA 331. Skeet Femminile Individuale: 1ª Veronica SYKOROVA (SVK) 116/125 (+6) – 52/60 (+2); 2ª Martina BARTOLOMEI (ITA) 119 – 52 (+1); 3ª Andri ELEFTHERIOU (CYP) 120 – 42/50; 15ª Simona SCOCCHETTI (ITA) 113/125; 18ª Chiara DI MARZIANTONIO (ITA) 113. Skeet Femminile Squadre: 1ª RUSSIA 348/375; 2ª ITALIA 345; 3ª CIPRO 340. (Fonte FITAV)

,

Le foto presenti su La Dea della Caccia sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo alla redazione - info@ladeadellacaccia.it - che provvederá prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.