TOP-MENU

ORO PER BARILLÀ, DE LUCA E DUPRÈ

TIRO A VOLO. DOUBLE TRAP: ORO PER BARILLÀ, DE LUCA E DUPRÈ

Il Double Trap è stato protagonista sulle pedane abruzzesi del Tav Sant’Uberto di Manoppello Scalo con il Gran Premio Individuale e Mixed del 2018. In gara i migliori specialisti che non si sono risparmiati dando vita a quello che possiamo definire uno “spettacolo” agonistico . A mettersi al collo l’oro della classifica più prestigiosa, ovvero quella di Eccellenza, è stato Antonio Barillà, marinaio di Villa San Giuseppe (RC). Il calabrese si è assicurato un dorsale per il round decisivo con il punteggio di 137/150 +2 ed ha iniziato la finale in quarta posizione. Doppietto dopo doppietto ha superato brillantemente tutte le eliminatori fino a ritrovarsi a duella con Marco Innocenti di Montemurlo (PO), medaglia d’argento a Rio 2016. I due, compagni di squadra nell’avventura olimpica brasiliana, si sono affrontati con grande fair play ma senza risparmiarsi ed alla fine ha avuto la meglio Barillà, salito sul gradino più alto del podio con lo score di 76/80 mentre ad Innocenti è rimasto l’argento con 75. Terzo Andrea Vescovi (Fiamme Oro) di Città di Castello (PG) con 137 +0 in qualifica e 54/60 in finale . D’oro anche Claudia De Luca di San Cesario di Lecce. La pugliese è stata la migliore in qualifica con 117, stesso punteggio di Sofia Maglio, anche lei pugliese ma di Nardò, e le due hanno duellato con grinta fino a ritrovarsi entrambe nel confronto per l’oro e l’argento, vinto dalla prima con 68 a 57. Terza sul podio Valerya Sokha con 98 in qualifica e 42 in finale. Passando al comparto del Settore Giovanile, per l’assegnazione delle prime due posizioni della classifica sono stati necessari i tempi supplementari. Protagonisti del duello all’ultimo piattello sono stati Jacopo Duprè De Foresta (Fiamme Oro) di Montalcino (SI) e Niccolò Liceti di Quinto Vicentino (VI). Il primo è entrato in finale in prima posizione con 133/150, mentre il secondo ha indossato il dorsale numero tre con 127/150, poi entrambi hanno chiuso il piattelli regolamentari con un identico 73/80 ed hanno proseguito il faccia a faccia don altri 6 doppietti. Alla fine il punteggio di 11 a 10 è stato favorevole al toscano. Terzo Marco Carli di Agna (PD), medaglia di bronzo con 51/60. Complimenti doverosi anche per Alessandro Lince di Panaro sul Trasimeno (PG), migliore nella serie cadetta con 150/200, per Vittorio Frapporti di Sant’Ambrogio di Valpolicella (VR), migliore tra i seconda con 152/200, e per Americo Turco di Leporano (TA), oro tra i Terza con 131/200. Barillà è poi tornato sul podio per ricevere il massimo degli onori anche nella classifica del Mixed Team. Insieme alla compagna di viaggio Sofia Maglio. I due hanno totalizzato 50/60 mettendosi alle spalle l’accoppiata formata da Marco Innocenti e Claudia De Luca, argento con 48/60, e quella di Alessandro Chianese (Marina Militare) di Casandrino (NA) e Diana Ghilarducci (Marina Militare) di Viareggio (LU), bronzo con 45/60. (Fonte FITAV)

,

Le foto presenti su La Dea della Caccia sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo alla redazione - info@ladeadellacaccia.it - che provvederá prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.