TOP-MENU

foto di gruppo

TIRO A VOLO. GRASSIA DI BRONZO IN QATAR

Il Qatar Open 2020 si chiude per l’Italia con una bella medaglia di bronzo conquistata da Giulia Grassia nella gara di Fossa Olimpica femminile. La giovane modenese portacolori dell’Esercito Italiano ha ben figurato in una gara molto impegnativa. Oltre a lei ed alla compagna di squadra Gaia Ragazzini (Carabinieri) di Lavezzola (RA), in finale si sono qualificate tiratrici del calibro di Zuzana Stefecekova, medaglia d’argento ai Giochi di Pechino 2008 e Londra 2012, della spagnola Fatima Galvez, Campionessa del Mondo nel 2015 a Lonato del Garda (BS), e della sanmarinese Alessandra Perilli, vincitrice della Finale di Coppa del Mondo del 2015 a Nicosia (CYP). Proprio con queste ultime due l’azzurra se l’è battuta fino alla fine nella corsa alle medaglie e con il punteggio di 11/125 in qualifica e 30/40 in finale si è meritata quella di bronzo ed il terzo gradino del podio. Sulla vetta la spagnola con 116/125 e 41/50, mentre sulla piazza d’onore si è accomodata la sanmarinese con 112/125 e 40/50. Quarta la Ragazzini, quinta in qualificazione con 108/125 e poi quarta con 26/35. Fuori dalla finale Isabella Cristiani (Marina Militare) di San Giuliano Terme ed Erica Sessa (fiamme Oro) di Cava de’ Tirreni, rispettivamente ottava e nona con lo score di 106/125. Solo ventisettesima Diana Ghilarducci (Marina Militare) di Viareggio (LU) con 90/125. Occasione medaglia sfiorata, invece, dal comparto maschile azzurro. Migliore dei nostri è stato il fiorentino Jacopo Cipriani (Carabinieri), secondo migliore con 118/125 +0 al termine delle cinque serie di qualificazione e poi quinto in finale con 20/30. Ad aggiudicarsi la vittoria è stato lo slovacco Erik Varga, salito sul podio con il britannico Matthew Coward Holley ed il ceco David Kostelecky, rispettivamente d’argento e di bronzo. Non da finale la prestazione di Emanuele Buccolieri (Fiamme Oro) di San Pancrazio (BR), undicesimo con 112/125, di Alessandro Chianese (Marina Militare) di Casandrino (NA), dodicesimo con 11/125, di Ferdinando Rossi (Marina Militare) di Foligno, di Luca Miotto (Fiamme Oro) di Ciliverghe (BS) e Teo Petroni (Marina Militare) di Fabrica di Roma (VT), rispettivamente diciottesimo, diciannovesimo e ventesimo con 109/125, di Angelo Scalzone (Esercito) di Trecate (NO), trentesimo con 106/125, e di Andrea De Paoli di Calcinato (BS), cinquantaquattresimo con 88/125. Buona la valutazione complessiva del Tecnico accompagnatore Daniele Lucidi (Carabinieri) “E stata una gara impegnativa, condizionata da un forte vento che ha accompagnato le prime tre serie di ieri. In ogni caso ci siamo difesi bene ed è stata una ottima occasione per acquisire esperienza internazionale per tutti i componenti della squadra. Grazie alla Federazione che ci ha permesso di partecipare a questo evento e al Direttore Tecnico Albano Pera per la fiducia che ci ha accordato”. (Fonte FITAV)