TOP-MENU

podio

TIRO A VOLO. SI RIPARTE DAI GIOVANI

Una nuova primavera per il Tiro a Volo nel weekend che, di fatto ha sancito l’entrata ufficiale della stagione estiva, la preferita dei tiratori perché ricca anzi ricchissima di appuntamenti agonistici. Una ripartenza che solo due mesi fa sembrava compromessa da un’emergenza sanitaria che ci ha visti tutti protagonisti in prima linea.

Un trionfo di sorrisi ed emozioni quello vissuto ieri da cento giovanissime speranze che si sono dati battaglia sulle pedane abruzzesi del Tav Sant’Uberto di Manoppello.

Una domenica vissuta nello spirito di condivisione ma soprattutto nel totale rispetto delle regole di distanziamento sociale, fatte proprie responsabilmente anche dai più giovani. Quarantuno squadre di Fossa Olimpica e nove di Skeet, cento tiratori provenienti da tredici regioni italiane e tre classifiche che hanno incoronato i nuovi campioni di Mixed Team.

La gara, nuovo evento olimpico di Tokyo, ha, in quest’occasione aperto i propri battenti anche allo Skeet, proprio per garantire una partecipazione quanto più ampia possibile. Una boccata d’aria fondamentale per l’intero movimento, che ora in totale accelerazione, continuerà a macinare gare su gare settimana dopo settimana.

Partendo dalla classifica Allievi e Junior di Fossa Olimpica, la medaglia d’oro è andata al collo del duo umbro composto da Diego Rubeca e Giulia Vernata, i quali con un ottimo 95 su 100 hanno avuto accesso alla finale, vinta poi con il punteggio di 39. A dar loro filo da torcere sono stati Alessandro Salandini e Valentina Dolci, che prima con 94 e poi con 33 hanno insidiato i loro colleghi, ma si sono dovuti fermare al secondo posto.

Medaglia di bronzo per Samuele Faustinelli e Paola Zecchi, 91 in qualifica per loro e 42 su 50 nello scontro finale con Cristian Camporese e Sofia Littamè, autori di 37/50; proprio questi ultimi sono rimasti ai piedi del podio nonostante una buona fase di qualifica chiusa con 92. Per quanto riguarda la classifica di Fossa Olimpica relativa agli appartenenti alle categorie Esordienti e Giovani Promesse il team migliore è stato quello pugliese composto da Pasquale Salinaro e Carlotta Parrotto che con il punteggio di 81/100 e poi 43/50 sono saliti sul gradino più alto del podio.

Appena sotto di loro la coppia formata da Alex Gori e Sofia Gori dell’Emilia-Romagna. Nello Skeet invece il duo più preciso è stato quello toscano composto da Andrea Galardini e Sara Bongini, 86 nei piattelli di qualifica e 32 in finale gli hanno permesso di superare la concorrenza agguerrita di Giammarco Tuzi e Damiana Paolacci, secondi con 88 e 31, un solo piattello sotto ai vincitori. Terzo posto per Gabriele Di Giulio e Giada Longhi, i due hanno condotto una buona fase di qualifica, terminata con 83, risultato che gli ha permesso di prender parte alla finale terminata con 33. Quarto posto per Matteo Cussigh e Giulia Basso, che entrati in finale con 85 si sono dovuti arrendere però con 31 alla coppia Longhi – Di Giulio.

L’intera giornata ha visto protagonista tra i giovani il Presidente Federale Luciano Rossi, accompagnato dal Vicepresidente Paolo Fiori. “Una domenica indimenticabile per il tiro a volo”. Questo il commento a caldo del Presidente Federale Luciano Rossi. “Non potevo immaginare ripartenza migliore di quella vissuta ieri, in mezzo a cento ragazzi e ragazze che sono il futuro del nostro sport. È stato emozionante vedere quanta energia e quanta passione c’è nei loro occhi, ma soprattutto la gioia che esplodeva dopo ogni piattello rotto. Sono da sempre un positivo e voglio esserlo oggi più che mai, perché con la forza che ho avvertito ieri tra i nostri ragazzi sono ancora più convinto che supereremo anche questa difficile sfida.” (Fonte FITAV)

Le foto presenti su La Dea della Caccia sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo alla redazione - info@ladeadellacaccia.it - che provvederá prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.