TOP-MENU

Emanuela Bonomi Croce

TIRO A VOLO. #STORIEDIQUARANTENA: EMANUELA BONOMI CROCE

La storia di quarantena di oggi ha come protagonista Emanuela Bonomi Croce, Vice Presidente Vicario e madrina del progetto del Para-Trap mondiale. E’ nella sua casa in campagna e sta passando la quarantena lontana dalla famiglia “Sarei dovuta partire per la Spagna per raggiungere mio marito, impegnato lì per questioni di lavoro, ma quando è esploso questo delirio, siamo rimasti separati. Io qui senza la possibilità di andare da lui e lui bloccato dalle restrizioni imposte anche dal governo spagnolo. Non è facile, ma rispettare le regole è una questione di dovere civile. Quelli che non lo fanno sono degli incoscienti e, in prima battuta, degli incivili. Restare a casa ed isolarsi è l’unico strumento che ora abbiamo per combattere contro questo nemico subdolo. Siamo in una situazione grave che si può tranquillamente paragonare ad una guerra. Il problema è che, in questo caso, il nemico è invisibile. Lo conosciamo, ma non lo vediamo ed è difficilissimo affrontarlo. Possiamo solo evitare al massimo di incrociarlo stando a casa. Io mi divido tra le cose lasciate in sospeso con il lavoro e dedicandomi a tutto quello che normalmente tralascio. Ho la grande fortuna di camminare in giardino con i cani e con loro condivido il mio tempo. Quando tutto questo sarà finito dovremo affrontare un grave problema economico. Tra le difficoltà già gravi che c’erano ed il disastro provocato dalla chiusura obbligata di tutte le attività, comprese quelle sportive delle nostre ASD, servirà un’azione incisiva sia nazionale sia locale. Il nostro Governo, di cui condivido in pieno l’azione posta in essere per gestire questa emergenza dal punto di vista sanitario, ha assicurato massimo sostegno a tutti ed a noi dirigenti sportivi toccherà il compito di ricordare le promesse. Insieme ce la faremo. Voglio dedicare un grazie speciale a tutto il personale medico, infermieristico e del mondo del volontariato per quando stanno facendo per tutti noi. Stiamo a casa ed aiutiamoli”. (Fonte FITAV)