TOP-MENU

tiratori

TIRO A VOLO. VI EMIR CUP: NEL MIXED DI SKEET ORO PER BARTOLOMEI-SDRUCCIOLI

All’Italia Open 2020 si è aperto il capitolo Emir Cup. La sesta edizione dell’evento nato dalla collaborazione tra l’impianto del Tav Umrbiaverde-Todi e l’ambasciata del Kuwait in Italia per celebrare la vicinanza tra il Paese del Golfo Persico e la Federazione Italiana Tiro a Volo e intitolata a Sua Altezza l’Emiro Sheik Al-Ahmad Al-Jaber Al-Sabah, ha incoronato Martina Bartolomei e Elia Sdruccioli (Esercito) come Regina e Re della gara di Mixed Team di Skeet. La tiratrice toscana di Laterina (AR) ed collega marchigiano di Ostra (AN) sono saliti sulla vetta del podio con il doppio merito di aver vinto la gara ed aver battuto una coppia di Campioni Olimpico come quella formata da Chiara Cainero (Carabinieri) di Cavalicco di Tavagnacco (UD), oro a Pechino 2008 e argento a Rio 2016, e da Gabriele Rossetti (Fiamme Oro) di Ponte Buggianese (PT), oro a Rio 2016. Dopo essersi meritati il secondo posto nel duello finale per l’oro e l’argento, i due giovani tiratori hanno affrontato i blasonati avversari senza alcun timore reverenziale, costringendoli allo spareggio sul punteggio di 36/40. Nei piattelli supplementari un errore della friulana li ha spinti in vetta con +4 a +3, regalandogli una grande soddisfazione. Sul podio per la medaglia di bronzo anche la coppia formata dalla Campionessa Olimpica di Rio 2016 Diana Bacosi (Esercito) e Tammaro Cassandro (Carabinieri), che ai Giochi di Tokyo debutterà in un evento a cinque cerchi. Dopo essersi qualificati per il medal match per il bronzo con 144/150 (3), con 37/40 hanno avuto ragione del team formato da Chiara Di Marziantonio (Esercito) e Valerio Palmucci (Fiamme Oro), quarto con 143/150 (+3) e 35/40 In pedana oggi anche gli specialisti di Trap impegnati nelle prime due serie della gara individuale. Al momento al comando ci sono Alberto Brambati, migliore della classifica maschile degli ID (tiratori con esperienza internazionale nella gara ISSF) con 50/50, ed Isabella Cristiani, prima tra le Ladies con 48/50. (Fonte FITAV)