TOP-MENU

Landi Nespoli

TIRO CON L’ARCO. EUROPEI 2018: 1 ORO, 4 ARGENTI E 1 BRONZO PER GLI AZZURRI

Sei medaglie, una d’oro, quattro d’argento e una di bronzo. E’ questo il ricco bottino dell’Italia ai Campionati Europei di Legnica (POL) che pongono l’Italia al 3° posto nel medagliere, ma col maggior numero di podi conquistati. A guidare la classifica per Nazioni è la Russia (3 ori, 1 argento, 1 bronzo), seguita dalla Turchia (2 ori, 1 bronzo).
La copertina è tutta per il mixed team dell’arco olimpico composto da Vanessa Landi e Mauro Nespoli che batte la Francia 6-0 e sale sul tetto d’Europa continuando così l’ottima tradizione azzurra nella specialità, è la terza volta nella storia, infatti, che la Nazionale vince il titolo continentale e, per la prima volta, questa competizione sarà anche presente a Tokyo 2020.
Meno fortunate le altre quattro finali per il primo posto: la squadra compound femminile con Anastasia Anastasio, Irene Franchini e Marcella Tonioli si arrende alla Turchia allo shoot off 227-227 (28-30); frecce di spareggio fatali anche per gli avieri dell’olimpico Marco Galiazzo, Mauro Nespoli e David Pasqualucci sconfitti 4-5 (25-28) dalla Russia. Argento per la squadra femminile del ricurvo formata da Tatiana Andreoli, Lucilla Boari e Vanessa Landi costretta a cedere alla Turchia 6-2. Nell’individuale compound Sergio Pagni perde la sfida per l’oro con il russo Bulaev 147-145, mentre Federico Pagnoni vince il match per il bronzo con il francese Deloche 149-144. 

LANDI E NESPOLI D’ORO NEL MIXED TEAM – L’Italia è campione d’Europa nel mixed team grazie alle frecce di Vanessa Landi e Mauro Nespoli che dominano la finale con la Francia (Gaubil-Chirault) vincendo 6-0. E’ la prima medaglia sul campo per il Direttore Tecnico Mauro Berruto che a Legnica ha seguito per la prima volta i due arcieri in qualità di allenatore sul campo. La sfida è senza storia, la coppia Landi-Nespoli vince tutti i parziali 34-32, 38-35 e 37-35. Per la Nazionale è il terzo titolo continentale nella specialità dopo i successi di Natalia Valeeva e Marco Galiazzo nel 2010 e di Natalia Valeeva e Mauro Nespoli nel 2012. Un oro che assume grande rilevanza considerando che il CIO ha inserito questa gara nel programma dei Giochi Olimpici di Tokyo 2020.

ARGENTO GLI UOMINI DELL’OLIMPICO – Sconfitta all’ultimo atto per i campioni del mondo in carica Mauro Nespoli, Marco Galiazzo e David Pasqualucci che si piegano nella finale per l’oro alla Russia (Baldanov, Bazarzhapov, Popov) allo shoot off 5-4 (28-25). Qualche rammarico per gli azzurri che si ritrovano due volte in vantaggio, nel primo (53-50) e terzo (56-54) set ma vengono due volti ripresi (57-55 e 56-54 i risultati dei parziali a favore della Russia) per poi uscire sconfitti alle ultime tre frecce dopo che erano stato a un passo dalla vittoria.

ANDREOLI, BOARI E LANDI D’ARGENTO – Le giovani Tatiana Andreoli, Lucilla Boari e Vanessa Landi salgono sul secondo gradino del podio europeo dopo la sconfitta in finale contro la Turcia (Aktuna, Anagoz, Cosku) per 6-2. Le azzurre partono forte portandosi sul 2-0 (53-47), ma poi escono troppe volte dal giallo, complici anche le difficili condizioni meteo e vengono sconfitte nelle successive tre tornate di frecce 52-49, 56-53 e 50-49 che valgono la rimonta delle avversarie.

ARGENTO PER SERGIO PAGNI – Niente bis europeo per Sergio Pagni, campione continentale nel 2012 e oggi d’argento dopo la finale persa 147-145 contro il russo Anton Bulaev. Lo specialista azzurro parte piazzando subito tre 10 che valgono il 30-29 della prima volée, poi l’avversario inizia a salire di colpi e in un continuo crescendo si prende l’oro grazie ai parziali di 29-29, 30-29, 29-28 e 30-29.

LE AZZURRE DEL COMPOUND D’ARGENTO – E’ una finale ricca di colpi di scena quella per l’oro a squadre compound femminile in cui l’Italia viene sconfitta allo shoot off dalla Turchia (Bostan, Elmaagacli, Suzer) 227-227 (30-28) dopo che aveva sfiorato la vittoria prima dello spareggio. Irene Franchini, Anastasia Anastasio e Marcella Tonioli vanno subito sotto (57-58) ma riescono nelle successive due volée prima a pareggiare i conti (58-57) e poi a sorpassare le avversarie (57-56). A sei frecce dal termine il risultato è di 172-171, le azzurre mantengono prestazioni alte fino alla penultima freccia di Anastasia Anastasio che colpisce il 7 e permette alla Turchia di mandare la gara alla freccia di spareggio, grazie al parziale di 56-55. Bostan e compagne negli ultimi e decisivi tiri sono perfette, colpiscono tre volte il bersaglio sul dieci e si portano a casa il titolo continentale.

FEDERICO PAGNONI DI BRONZO
 – Federico Pagnoni vince il bronzo al termine di una finale dominata e vinta 149-144 contro il francese Pierre Julien Deloche. E’ un vero e proprio show quello dell’azzurro che tira la prima freccia sul 9 e tutte le altre sul 10 lasciando solo le briciole all’avversario. I parziali delle singole volée, 29-28 la prima e 30-29 le successive quattro, certificano il largo e meritato successo di Federico Pagnoni.

TUTTI I RISULTATI DELLE FINALI AZZURRE
Finale per l’oro a squadre compound femminile ITALIA-TURCHIA 227-227 (28-30)
Finale per il bronzo individuale compound: PAGNONI-DELOCHE (FRA) 149-144
Finale per l’oro individuale compound: PAGNI-BULAEV (RUS) 145-147
Finale per l’oro a squadre arco olimpico femminile ITALIA-TURCHIA 2-6
Finale per l’oro a squadre arco olimpico maschile ITALIA-RUSSIA 4-5 (25-28)
Finale per l’oro mixed team arco olimpico ITALIA-FRANCIA 6-0

(Fonte FITARCO)

Le foto presenti su La Dea della Caccia sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo alla redazione - info@ladeadellacaccia.it - che provvederá prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.