TOP-MENU

nespoli

TIRO CON L’ARCO. SCARZELLA: ‘OBIETTIVO TOKYO’, NESPOLI: ‘CHE GIOIA TORNARE SUL CAMPO’

Per la seconda volta in poche settimane il tiro con l’arco è stato protagonista all’interno del programma “Zona Cesarini” in onda sulle frequenze di Rai Radio Uno. La prima intervista è andata in onda subito dopo l’annuncio del lockdown a causa della pandemia di Coronavirus, Nei giorni scorsi nuovo intervento in diretta con protagonisti il presidente della FITARCO Mario Scarzella e l’arciere della Nazionale e dell’Aeronautica Militare Mauro Nespoli.

Una ventina di minuti in cui il Presidente ha fissato gli obiettivi della Nazionale per il prossimo futuro: “Da Atlanta 1996 a oggi abbiamo vinto molto a livello olimpico, ma non dimentichiamo anche i grandi successi nelle competizioni mondiali, non ultimo il titolo iridato con la squadra maschile. L’obiettivo è quello di continuare così e il nostro lavoro è tutto concentrato sulla qualificazione a Tokyo delle due squadre. Al momento abbiamo un pass al maschile e uno al femminile, nel 2021 a Parigi ci sarà l’occasione per prendersi i posti a squadre, sono ancora tre quelli disponibili sia per gli uomini che per le donne”

Il presidente ha poi voluto ricordare i successi della Nazionale Para-Archery, come richiesto da alcuni messaggi degli ascoltatori: “il nostro settore paralimpico è di altissimo livello e lo ha dimostrato per l’ennesima volta ai Mondiali in Olanda dove ha conquistato ben sette pass olimpici sui dieci disponibili. Anche per i ragazzi della Nazionale Para-Archery il 2021 sarà importante per provare a staccare il pass che manca nell’arco olimpico e i due del W1, se dovessimo farcela tra l’Europeo di Olbia e la gara di Nove Mesto, riusciremo ad arrivare a Tokyo con 10 atleti”.

Olimpiadi e non solo nelle parole del presidente: “voglio infatti ricordare – ha detto Scarzella – tutte le altre specialità che compongono la nostra splendida disciplina, l’arco nudo, il compound, il longbow e l’arco istintivo, quando si parla di tiro con l’arco bisogna farlo per intero citando anche queste divisioni in cui tra l’altro l’Italia ottiene ogni anno tantissimi successi si nel targa, che nel campagna che nel 3D”.

La palla è poi passata a Mauro Nespoli: “ho ripreso ad allenarmi proprio nei giorni scorsi – ha spiegato l’aviere – il campo mi mancava ma anche quando ero a casa per le disposizioni anti Covid-19 ho comunque continuato a lavorare”. L’azzurro si è poi concentrato sulla disciplina arcieristica: “non ci vuole solo concentrazione, è necessaria tanta forza, un arco pesa circa tre chili e mezzo, per tendere la corda e scoccare ogni freccia dobbiamo applicare uno sforzo importante che oltretutto ripetiamo fino a 150 volte al giorno in gara”. L’intervista ha toccato poi l’argomento avversari: “la Corea del Sud resta la Nazione migliore del mondo ma Stati Uniti, Cina, Taipei, Francia, Olanda e Turchia sono assolutamente da tenere d’occhio per presente e futuro”. Finale dedicato alla vicenda del suo arco rubato ormai qualche mese fa: “fortunatamente il ladro si è messo una mano sulla coscienza e lo ha riportato dove lo aveva preso, forse anche grazie al tanto clamore e a come la vicenda è stata seguita dai media”. (Fonte FITARCO)