TOP-MENU

tiratori

TIRO CON L’ARCO. TRA CAMPIONI IN CARICA E AZZURRI, I QUALIFICATI PER I TRICOLORI INDOOR

Rimini torna ad essere la Capitale del tiro con l’arco italiano. Da venerdì 21 a domenica 23 febbraio tornano in Emilia-Romagna i Campionati Italiani Indoor, anticipati dall’Italian Challenge, la gara internazionale del venerdì. Tra i qualificati ci sono tutti migliori arcieri del Paese.

I QUALIFICATI AI PROSSIMI TRICOLORI INDOOR – Sulla linea di tiro di Rimini ci sarà, come sempre, il meglio del movimento arcieristico italiano. Nell’arco olimpico a sfidare il campione in carica Michele Frangilli (Aeronautica Militare) ci saranno tutti gli azzurri, dagli avieri Mauro Nespoli, Marco Galiazzo, Marco Morello, David Pasqualucci e Luca Melotto, ai più giovani Federico Musolesi (Castenaso Archery Team), Alessandro Paoli (Arcieri Iuvenilia), Yuri Belli (Arcieri Aquila Bianca) e Matteo Canovai (Arcieri Augusta Perusia), fino ad arrivare agli specialisti dell’indoor Massimiliano Mandia (Fiamme Azzurre) e Matteo Fissore (Malin Archery Team).
Nel femminile oltre ad Elena Tonetta, vincitrice del 2019, arriveranno a Rimini tutte le arciere nel giro della Nazionale. Chiara Rebagliati (Arcieri Torrevecchia), Tatiana Andreoli (Fiamme Oro), Tanya Giada Giaccheri (Aeronautica Militare), Lucilla Boari (Fiamme Oro), Vanessa Landi (Aeronautica Militare), e le titolari alle ultime due Olimpiadi Pia Lionetti (Aeronautica Militare), Claudia Mandia (Fiamme Azzurre) e Jessica Tomasi (Aeronautica Militare). Tra i qualificati nelle classi giovanili ci sono tutti gli azzurrini che a Rimini vogliono impensierire i big della disciplina.

Hanno raggiunto i punti utili alla qualificazione ai Campionati Italiani Indoor anche tutte le stelle del compound. Al maschile il campione in carica Arcangelo Borruso (Arcieri Del Roccolo) dovrà difendere il proprio trono dalle insidie degli azzurri Sergio Pagni (Arcieri Città di Pescia), Jesse Sut (Kosmos Rovereto), Federico Pagnoni (Arcieri Montalcino), Elia Fregnan (Arcieri Del Torrazzo) e poi ancora da Valerio Della Stua (Arcieri Pol. Solese), reduce dall’argento al Roma Archery Trophy, Viviano Mior (Kosmos Rovereto), Alex Boggiatto (Arcieri Collegno) e Fabio Ibba (Arcieri Cormòns), senza dimenticare il campionissimo di Campagna e 3D Giuseppe Seimandi (Fiamme Azzurre), sempre più a suo agio con il compound in mano nelle competizioni indoor.
Tra le donne gli occhi di tutti saranno puntati sulle più volte titolari in Nazionale Marcella Tonioli (Arcieri Montalcino), Anastasia Anastasio (Marina Militare), Sara Ret (Arcieri Cormons), Irene Franchini (Fiamme Azzurre). Come per l’olimpico anche nel compound sono tra i qualificai tutti gli arcieri delle Nazionali Giovanili.

Nell’arco nudo spiccano le presenze di quegli arcieri che ogni anno portano l’Italia in cima al podio delle competizioni internazionali Campagna e 3D. Tra i tanti grandi nomi qualificati per Rimini ricordiamo Daniele Bellotti (Arcieri Fivizzano), Eric Esposito (Arcieri Audax Brescia), Alessio Noceti (Arcieri Delle Alpi), al maschile, e Cinzia Noziglia (Fiamme Oro), Chiara Benedetti (Arcieri Eugubini), Eleonora Strobbe (Arcieri Altopiano Pinè). Per loro la concorrenza arriverà non solo dalla classe Senior ma dagli agguerritissimi Master, presenti anche nel ricurvo e nel compound, e dai giovani con in testa la campionessa della passata edizione Sara Caramuscia (Arcieri Amici Di Reno).
Tra gli arcieri qualificati per i Campionati Italiani Indoor di Rimini ci sono anche i pezzi da novanta della Nazionale Para-Archery, tra cui Elisabetta Mijno (Fiamme Azzurre), Eleonora Sarti (Fiamme Azzurre), Maria Andrea Virgilio (Dyamond Archery Palermo), Giulia Pesci (Arcieri Ardivestra) e Alberto Simonelli (Fiamme Azzurre) che però non saranno presenti alla manifestazione perché impegnati a Dubai nella prima trasferta internazionale del 2020 della Nazionale.

I CAMPIONI IN CARICA – Nell’arco olimpico l’edizione 2019 è andata a Michele Frangilli, salito per la nona volta sul primo gradino del podio indoor grazie al successo su Alessandro Paoli. Al femminile vittoria per Elena Tonetta che si è presa la finale contro Chiara Rebagliati, per l’azzurra dell’Aeronautica è stato un successo importante arrivato dieci anni dopo l’ultimo titolo indoor della sua carriera.
Nel compound la linea di tiro di Rimini aveva portato fortuna ad Arcangelo Borruso, alla prima assoluta sul tetto d’Italia dopo la vittoria su Carlo Bernardini. Meno sorprendente il successo di Marcellla Tonioli nel femminile, la punta di diamante della Nazionale si è portata a casa il quinto “scudetto” in carriera vincendo in finale contro Anastasia Anastasio.
Nell’arco nudo il campione in carica è sempre Giuseppe Fonti ormai da due edizioni, nel 2019 l’arciere ha concesso il bis battendo Fabio Bibiani. Dal femminile è arrivata una delle più belle storie degli ultimi campionati di Rimini, l’oro è infatti andato alla sedicenne Sara Caramuscia che in finale ha sconfitto un mostro sacro della disciplina del calibro di Cinzia Noziglia.
Tre le squadre i campioni in carica sono: Arcieri Iuvenilia e Arcieri Torrevecchia, nell’arco olimpico, Arcieri Solese e Arcieri Torrevecchia, nel compound, gli Arcieri del Sole e il Cus Roma, nell’arco nudo. (Fonte FITARCO)