TOP-MENU

WORLD CUP: ORO E BRONZO PER L'ITALIA DEL COMPOUND

TIRO CON L’ARCO. WORLD CUP: ORO E BRONZO PER L’ITALIA DEL COMPOUND

Le squadre compound azzurre salgono entrambe sul podio alla prima tappa di Coppa del Mondo a Medellin, in Colombia. Pagni, Pagnoni e Mior battono in rimonta la Francia 234-231 e si prendono l’oro. Le azzurre Anastasio, Tonioli e Ret dominano la sfida per il bronzo femminile e travolgono il Perù 222-195.

BRONZO PER LE AZZURRE COMPOUND 
Nella prima finale di giornata conquista il bronzo il terzetto compound femminile italiano: Anastasia Anastasio, Marcella Tonioli e Sara Ret superano in finale il Perù (Ariaga Hurtado, Canevaro Guevara, Palomino Gutierrez) 222-195.
Le azzurre partono subito con un +2 dopo la prima volée (52-50), mantengono il vantaggio nella seconda frazione (109-107) e prendono il largo nelle successive due fasi di gara grazie anche agli errori delle avversarie che spianano la strada verso la medaglia. Il terzo parziale vede infatti l’Italia avanti 165-146, frutto di un Miss (0) da parte del Perù che non riesce più a rimontare grazie anche all’ultima autorevole volée messa a segno dal trio italiano (57-49).

GLI UOMINI DEL COMPOUND D’ORO
Sergio Pagni, Federico Pagnoni e Viviano Mior vincono la medaglia d’oro grazie al successo in finale contro la Francia (Peineau, Deloche, Boulch) 234-231. Successo in rimonta per gli azzurri che si trovano sotto di due punti (59-57) dopo le prime sei frecce, poi arrivano due volée chiuse in parità 58-58 e 59-59 ma è nella coda della partita che l’Italia pesca le carte vincenti. Il terzetto italiano scocca tutte le frecce sul 10 mentre la Francia subisce la pressione, il parziale si chiude 60-55 ed è decisivo per vincere l’oro.

DOMANI LE AZZURRE DEL RICURVO PER L’ORO –
 Domani, domenica 28 aprile, si chiude con le finale dedicate all’arco olimpico. L’Italia sarà di nuovo in campo con il trio femminile: Tatiana Andreoli, Lucilla Boari e Vanessa Landi sfidano alle 17,25 (ora italiana) la fortissima Corea del Sud (Chang, Choi, Kang) nel match che vale la medaglia d’oro.  (Fonte FITARCO)