TOP-MENU

GUARDIE GIURATE VENATORIE VOLONTARIE

TOSCANA. AL VIA LA FORMAZIONE DELLE NUOVE GUARDIE GIURATE VENATORIE VOLONTARIE

Come tutti sanno, la corretta gestione della fauna selvatica e la sua salvaguardia, quale risorsa pubblica, passa anche da una corretta vigilanza tesa non solo a reprimere qualunque fenomeno di “bracconaggio” ma anche stabilire un corretto rapporto con una buona gestione degli istituti faunistici pubblici e privati.
L’attuale normativa infatti, affida alle Guardie Giurate Volontarie una rilevante quantità di compiti e funzioni:  vigilanza sul territorio a caccia programmata e nelle varie strutture, applicazione e organizzazione degli interventi e piani di controllo su numerose popolazioni selvatiche (specie antagoniste e opportuniste, cinghiale ed ungulati in genere). Purtroppo, i soggetti disponibili a svolgere questo importantissimo ruolo, si sono ridotti numericamente nel tempo e da diversi anni si è arrestato il necessario ricambio generazionale. Per quanto riguarda le Guardie Giurate Volontarie appartenenti alle Associazioni Venatorie da tempo sono venute meno le richieste per l’ottenimento della qualifica di GGVV, a differenza invece di quanto avvenuto nelle fila di quelle ambientaliste, sempre più numerose.

Con le recenti disposizioni messe in campo dalla Regione Toscana, nelle quali vengono individuati i nuovi criteri per la formazione ed il riconoscimento di tali figure, sono stati organizzati in queste settimane e per i prossimi mesi, alcuni corsi per la preparazione degli aspiranti GGVV che porteranno gli stessi a sostenere l’esame finale davanti alle Commissioni nominate dalla Regione Toscana.

Da alcune settimane si sta svolgendo il Corso organizzato dalla Federcaccia di Firenze in collaborazione con CEDAF (Centro Educazione Didattica Ambientale e Faunistica) . 60 ore incentrate sulle materie previste dalla delibera regionale che vanno dalla biologia della fauna selvatica, alla legislazione venatoria ed ambientale hanno visto impegnati oltre quaranta partecipanti. Al via anche i futuri corsi che si terranno a Siena (data di inizio prevista per il prossimo 25 maggio) e in tempi brevi nelle provincie di Grosseto e Lucca. Sempre a Siena il prossimo 22 maggio inizierà anche il corso organizzato dall’Ente Produttori Selvaggina a testimonianza della intensa attività delle varie associazioni confederate.

Inoltre, la CCT (Federcaccia Toscana, ANUUMigratoristi, ARCT) ha ultimato il complesso lavoro di aggiornamento del nuovo “Prontuario sul regime sanzionatorio” aggiornato con tutte le ultime modifiche normative, che sarà distribuito gratuitamente a tutti i partecipanti dei corsi di formazione e reso disponibile tra qualche settimana, presso le sedi provinciali e territoriali delle varie associazioni confederate.

,

Le foto presenti su La Dea della Caccia sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo alla redazione - info@ladeadellacaccia.it - che provvederá prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.