TOP-MENU

zone umide

VALLE DELLA CANNA, È DISATRO AMBIENTALE. POMPIGNOLI (LEGA): “MATTANZA EVITABILE”

Riceviamo e pubblichiamo.

“La mattanza della Valle della Canna si sarebbe potuta evitare”. A dirlo è il consigliere regionale della Lega Massimiliano Pompignoli.

“Non è la prima volta che le associazioni venatorie sollevano la questione della cattiva gestione dell’area. Ma non è bastato. La sufficienza con cui questa Amministrazione ha trattato l’argomento è talmente profonda che il risultato è quello che ci si presenta davanti agli occhi. Centinaia di anatidi morti e il pericolo, reale, di aver compromesso la riproduzione della specie e il delicato equilibrio dell’ecosistema palustre. Per non parlare dei pericoli sanitari che potrebbero innescarsi con la contaminazione delle acque dettata dal botulismo aviare che, oltretutto, ha già ipotecato gravemente la fauna ittica. Il problema è che la Valle è stata progressivamente abbandonata da chi avrebbe dovuto curarla, con il risultato si è trasformata in una vera e propria discarica ambientale, con acque putride e proliferazione di tossine.” Per Pompignoli non ci sono dubbi su chi ha permesso tutto questo: “un tempo la Valle era affidata alla gestione dei cacciatori che ne curavano il riciclo delle acque, la bonifica e la potatura della vegetazione. Da quando invece l’area è passata nelle ‘mani’ del Comune e sotto la vigilanza della Regione Emilia-Romagna, la situazione è degenerata. È chiaro quindi che chi doveva agire ha preferito stare con le mani in mano e chi doveva controllare ha chiuso gli occhi. A rispondere di questo disastro, quindi, non potranno che essere entrambe le Amministrazioni”.