TOP-MENU

PARLAMENTO EUROPEO: UNA INTERROGAZIONE SULLE AREE WILDERNESS

PARLAMENTO EUROPEO: UNA INTERROGAZIONE SULLE AREE WILDERNESS

L’europarlamentare on. Sergio berlato ha presentato in data 24 maggio una interrogazione scritta alla Commissione Europea in merito alle aree wilderness. Ecco il testo del documento:Nel febbraio 2010 il Parlamento europeo ha approvato una mozione di risoluzione riguardante le aree selvagge d’Europa, mozione elaborata dalla Fondazione PAN Parks del WWF internazionale, con la quale si richiamano i paesi dell’Unione europea a prevedere delle misure di salvaguardia per queste aree, definite “Aree Wilderness”. Con questa mozione si auspica la creazione di simili aree in tutta Europa, in molti casi assimilabili ai siti di Natura 2000, ovvero, di aree che pur nella loro selvaticità nominale, sarebbero comunque attraversate da strade e da altre opere urbane e risulterebbero chiuse all’attività venatoria. Si consideri che le storiche Aree Wilderness – presenti negli Stati Uniti d’America e anche in Finlandia – avrebbero come caratteristica non solo l’assenza di strade e di altre opere urbane, ma non precluderebbero neanche l’attività venatoria.
L’Associazione Italiana per la Wilderness (associazione ONLUS riconosciuta dal Ministero dell’Ambiente italiano) teme che la risoluzione così approvata possa creare confusione tra le due tipologie di aree. Essa é la prima associazione a essere sorta in Europa e ad aver provveduto all’ottenimento di Aree Wilderness in Italia (oggi nel numero di 64 per un totale di oltre 40.000 ettari) e ha elaborato delle “linee guida europee” per questa tipologia di aree protette che sono ispirate a quelle dell’esperienza storica americana.
Tutto ciò premesso, si interroga la Commissione per sapere:
– se non ritenga opportuno intervenire per precisare meglio il significato delle aree protette di cui sopra, affinché siano previste in linea con quelle americane, finlandesi e italiane, ovvero, prive di opere antropiche dove sia possibile esercitare un’attività venatoria regolamentata;
– quale relazione esiste tra queste aree protette ed i siti di Natura 2000 che, in grandissima parte, non corrispondono né alle finalità di queste aree, né possiedono le necessarie caratteristiche territoriali? Non ritiene che dovrebbe essere evitata una confusione tra queste due tipologie, anche e proprio nel rispetto del significato che le Aree Wilderness devono avere secondo la terminologia già in uso da molti
decenni negli USA e così come è stata applicata in Italia dall’Associazione Italiana per la Wilderness?
– Se non ritenga opportuno che vengano adottate per le aree protette in Europa le “linee guida” che l’Associazione italiana per la Wilderness ha predisposto sulla base dell’esperienza maturata in materia.

,

Le foto presenti su La Dea della Caccia sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo alla redazione - info@ladeadellacaccia.it - che provvederá prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.