TOP-MENU

RIETI: CINGHIALI IN PIAZZA CON LA COLDIRETTI

RIETI: CINGHIALI IN PIAZZA CON LA COLDIRETTI

La Coldiretti reatina avrebbe minacciato una manifestazione nella piazza del Comune con tanto di cinghiali al seguito. Come a dire che di cinghiali nella provincia ce ne sono talmente tanti da poterne portare qualcuno pure in centro, a testimonianza del disagio delle campagne. I mancati arretrati per i danni da ungulati e il mancato intervento sul regolamento del Parco Monti della Laga sarebbero l’oggetto delle rivendicazioni degli agricoltori. “La misura è colma” ha dichiarato Aldo Mattia, direttore Coldiretti di Rieti e Lazio, in un articolo pubblicato su Il Tempo di Rieti. Gli agricoltori reatini, infatti, pare che non ce la facciano proprio più a sopportare gli ingenti danni causati dai cinghiali alle loro coltivazioni. Molte aziende, tra crisi globale e danni da selvatici, sono finite in ginocchio. E così la Coldiretti si è decisa per un esemplare intervento, dicendosi disposta a scendere in piazza portando con sé qualche suo grugnente nemico. “Non possiamo più aspettare” ha dichiarato Aldo Mattia insieme al presidente Nesta “Va rivisto il regolamento del Parco relativo ai problemi agricoli e alla fauna selvatica e devono arrivare, in tempi rapidi, gli indennizzi dal 2006 in poi”. Al di là della pittoresca immagine di una manifestazione con tanto di cinghiali, la faccenda sembra molto seria. “I cinghiali, ed anche i lupi dei paesi montani, stanno devastando colture e bestiame. Senza l’erogazione degli indennizzi, solamente promessi, e una politica seria di contenimento delle presenze, diventa difficile sostenere il comparto”. La Provincia è chiamata ora a rispondere alla “sciagura cinghiali” con interventi concreti.

Arianna Biagi

, ,

Le foto presenti su La Dea della Caccia sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo alla redazione - info@ladeadellacaccia.it - che provvederá prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.