TOP-MENU

SAVONA: IL PRESIDENTE VACCAREZZA SULLA SOSPENSIONE DEL CALENDARIO VENATORIO

SAVONA: IL PRESIDENTE VACCAREZZA SULLA SOSPENSIONE DEL CALENDARIO VENATORIO

“Ieri pomeriggio è stato stabilito l’ennesimo stop alla stagione di caccia, sconcertante. Ora è chiaro: non è in discussione il calendario venatorio ma, se mai, la questione va focalizzata su coloro i quali la caccia non la vogliono a prescindere, dichiara il Presidente della Provincia di Savona Angelo Vaccarezza.

Un atteggiamento che da troppo tempo viola quelli che sono diritti sacrosanti dei cacciatori, diritti sanciti anche da esiti referendari. Una continua violazione perpetrata in nome della salvaguardia della natura e del suo equilibrio. Ma di quale equilibrio si parla? Forse non tutti sanno che, e tra questi c’è chi ignora e chi è consapevole, gli interventi di prevenzione sul territorio sono realizzati proprio grazie ai soldi dei tanto vituperati cacciatori. Il lupo per esempio, specie protetta quindi non cacciabile, oggi se possiamo parlare al presente di questo animale lo dobbiamo agli interventi di una categoria che ne tutela l’esistenza a vantaggio della coesistenza ed equilibrio tra l’uomo e la fauna, pagando di tasca propria i danni agli allevamenti.

Una collaborazione continua dell’universo venatorio per la tutela di una natura che non è soltanto appannaggio di associazioni ambientaliste che utilizzano la bandiera delle “buone cause” per calpestare soltanto i diritti altrui. A questo punto mi verrebbe da dare un consiglio ai cacciatori ovvero cessare ogni genere di collaborazione e affidare ai nuovi paladini, agli “ambientalisti di città” tutte quelle mansioni, che ad oggi, sono esercitate proprio dai cacciatori. Un’opera che comprende interventi di pulizia dei boschi, costituzione delle squadre antincendio, contenimento del numero degli ungulati o della difesa delle colture.

Senza cacciatori non ci sarebbe difesa attiva dell’ambiente ma forse nei salotti verdi, questo è ciò a cui probabilmente si mira.

Paese davvero strano il nostro, viviamo in una democrazia alla rovescia dove i diritti sono carta straccia a favore di minoranze che esercitano attraverso la disinformazione e la diffamazione il loro potere.”

, ,

Le foto presenti su La Dea della Caccia sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo alla redazione - info@ladeadellacaccia.it - che provvederá prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.