TOP-MENU

TERAMO: CACCIATORI DIVISI SULL’OPERATO DELLA PROVINCIA

TERAMO: CACCIATORI DIVISI SULL’OPERATO DELLA PROVINCIA

Dopo le critiche all’assessorato alla caccia della Provincia di Teramo, espresse dal coordinamento delle associazioni venatorie composto da Liberacaccia, Italcaccia, Arcicaccia e Federcaccia, è il momento delle repliche.

Enalcaccia, Società italiana Pro Segugio e Urca (Unione Regionale Cacciatori dell’Appennino), infatti, si dissociano dall’accusa di scarsa collaborazione lanciata dal coordinamento provinciale.

Il presidente della Pro Segugio, Lucio Putrella, ha dichiarato che “non ci sono cattivi rapporti tra il mondo venatorio (quello reale) e la Provincia“, e anche Giovanni Muzii, a capo dell’Urca, ha ribadito il proprio appoggio all’assessorato.

In ultimo, la dichiarazione dell’assessore Giuseppe Di Michele:“la volontà di ascolto e dialogo, che si sintetizza nelle periodiche riunioni della Consulta dove sono rappresentate tutte le associazioni di riferimento, è assolutamente testimoniata anche nelle iniziative già intraprese e in quelle future”.

A.B.

Le foto presenti su La Dea della Caccia sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo alla redazione - info@ladeadellacaccia.it - che provvederá prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.