TOP-MENU

Federico Nilo Maldini

TIRO A SEGNO: MALDINI CONQUISTA IL DIRITTO DI PARTECIPARE AGLI EUROPEI 2019

Il Tiro a Segno di Bologna è orgoglioso di comunicare che Federico Nilo Maldini ha fatto parte della Squadra italiana che ha partecipato all’H&N Cup 2019, a Monaco, aggiudicandosi sia la medaglia d’oro nella specialità della pistola ad aria compressa juniores, che la possibilità di partecipare ai Campionati Europei Juniores 2019 di Osijeck (Croazia), a marzo.

L’H&N Cup di Monaco è da anni considerata il primo importante appuntamento della stagione sportiva a livello internazionale, vi partecipano atleti da ogni parte del mondo (dall’Australia alla Russia, da Singapore agli Stati Uniti), per testare il proprio stato di preparazione. Quest’anno la gara di Monaco ha rappresentato un’occasione di confronto ancora più significativa, perché svoltasi dal 23 al 27 gennaio, ossia meno di due mesi prima dei Campionati Europei Juniores 2019, che inizieranno il 17 marzo.

Lo Staff Tecnico della Squadra Nazionale Juniores di pistola ha portato a Monaco quattro tiratrici e quattro tiratori, tra cui il nostro Federico Maldini, con l’obiettivo di selezionare tra di loro le tre ragazze ed i tre ragazzi che rappresenteranno l’Italia agli Europei.

Maldini, pur non essendo partito avvantaggiato, da giugno 2018 non partecipava a competizioni internazionali, ha dato prova di carattere e ha raccolto i risultati del duro lavoro che ha caparbiamente svolto nell’ultimo anno, riuscendo a vincere la gara con un ottimo punteggio (239,0) e guadagnandosi il diritto di partecipare ai prossimi Campionati Europei.

Una soddisfazione enorme ed una iniezione di fiducia per questo giovane atleta che, reduce dalla stagione sportiva 2018 costellata da momenti difficili e delusioni, prima fra tutte l’esclusione dalla rosa dei convocati per i Campionati Mondiali, ha saputo reagire con forza, impegnandosi per perfezionare la tecnica e la preparazione fisica, allenandosi con determinazione e lasciandosi guidare da allenatori che, intuite le potenzialità, hanno saputo prepararlo nel modo migliore, senza mai metterlo sotto pressione.

La conseguenza di tutto ciò è stata un’ottima prestazione sportiva, che si è concretizzata in un punteggio alto, al termine di una finale che era la prima per lui e che per regolamento si svolge con tempi di tiro molto dilatati, dunque ancora più pesanti da sostenere emotivamente per un atleta come lui che ama la velocità di esecuzione, ma in cui è rimasto sempre concentrato e sempre saldamente in testa.

Molto orgogliosi gli allenatori: Sabine Ida Marta, tecnico della Nazionale Juniores e Maurizio Calzolari, allenatore del Tiro a Segno di Bologna, che ora hanno il compito di prepararlo per il prossimo importante appuntamento di marzo.

Le foto presenti su La Dea della Caccia sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo alla redazione - info@ladeadellacaccia.it - che provvederá prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.