TOP-MENU

Tiratrice

TIRO CON L’ARCO. A SCUOLA CON L’ARCO, IL NUOVO PROGETTO DELLA FEDERAZIONE CON SPORT E SALUTE

L’attività promozionale proposta dalle federazioni sportive, veicolata attraverso le progettualità sovvenzionate da “Sport e Salute” prosegue con grande interesse in direzione della scuola e delle famiglie.

La Fitarco, oltre a dar seguito ai progetti avviati nel 2020 di “Scuola Attiva Kids” e “Scuola Attiva Junior”, che permettono di far svolgere il tiro con l’arco presso le scuole elementari e le scuole medie inferiori, nel 2023 farà partire anche un nuovo progetto, anch’esso da realizzare col finanziamento di Sport e Salute. L’obiettivo? Avvicinare i più giovani al tiro con l’arco ma, allo stesso tempo, ampliare ulteriormente la platea dei praticanti includendo nelle attività i genitori che, attraverso la disponibilità delle Società e dei tecnici sul territorio italiano, verranno portati a praticare la disciplina arcieristica presso i campi di tiro.

IL PROGETTO NEI DETTAGLI – “A Scuola con l’Arco” è il titolo del nuovo progetto. Anche in questo caso sarà Sport e Salute a sovvenzionarlo grazie all’accesso ai contributi stanziati con il fondo per la promozione dell’attività sportiva di base.
L’obiettivo resta quello di ampliare la base di praticanti e avvicinare i più giovani al tiro con l’arco ma, allo stesso tempo, si cercherà di accrescere ulteriormente la platea dei neofiti senior e master includendo nelle attività anche i genitori che, con la disponibilità delle Società e dei tecnici Fitarco, verranno portati a praticare la disciplina presso le Società federali: per tutti loro è infatti previsto un corso base di tiro con l’arco, affiancato a iniziative volte alla formazione che saranno rivolte tanto ai praticanti, quanto ai tecnici e ai dirigenti delle Società stesse che, oltre a contare su nuovi tesserati, potranno anche usufruire di nuovi materiali arcieristici.

PSICOLOGI E NUTRIZIONISTI A SUPPORTO – Il nuovo elemento che caratterizza questo progetto è la parte formativa che prevede la presenza o gli interventi a distanza degli psicologi dello sport. Lo psicologo affiancherà infatti il lavoro dei tecnici, mettendo a disposizione di tutti gli attori del progetto quelle tecniche di preparazione mentale utili non solo per la prestazione sportiva ma anche per un miglioramento generale del proprio benessere psico-fisico, volgendo l’attenzione sullo sviluppo della consapevolezza delle proprie emozioni e insegnando l’utilizzo delle tecniche apprese durante l’attività arcieristica per poterle sfruttare anche nella vita quotidiana. Pensiamo ad esempio agli esercizi sulla concentrazione utili tanto agli arcieri, quanto ai giovani per il loro percorso scolastico.
Sempre in relazione alla formazione, la Federazione prevede l’intervento di una nutrizionista che, attraverso varie modalità di comunicazione, fornirà le informazioni necessarie per conoscere nel dettaglio quali siano i corretti stili di vita da seguire.
Un altro punto strategico per la promozione del tiro con l’arco, fondamentale anche per il raggiungimento dell’inclusione sociale attraverso lo sport, è quello di individuare e coinvolgere il più possibile la popolazione femminile, maggiormente incline all’abbandono dello sport. Tutte le attività previste da “A Scuola con l’Arco” avranno infatti l’obiettivo di combattere il “gender gap” veicolando il messaggio che il tiro con l’arco è una disciplina adatta a tutte e tutti, senza esclusioni.
Tali obiettivi, che rappresentavano dei punti premianti nel bando per l’assegnazione del Progetto da parte di Sport e Salute, verranno quindi raggiunti attraverso l’esperienza, la conoscenza e il contributo di vari specialisti.

GRAPHIC NOVEL – Sul versante della comunicazione, invece, verrà dato spazio all’attività di promozione attraverso la pubblicazione di una graphic novel interamente dedicata al tiro con l’arco che, pubblicata sul web, permetterà di evidenziare in chiave moderna, con il supporto di un piano di comunicazione dedicato sui profili social federali, quali siano i benefici portati dalla pratica arcieristica, evidenziando nel dettaglio i punti nodali che intende raggiungere il Progetto stesso. Questo lavoro non sarà fine a se stesso per la sola durata del Progetto, ma è stato pensato per essere utile anche in futuro per promuovere la disciplina arcieristica, strizzando l’occhio soprattutto alla popolazione giovanile.

RENDICONTAZIONE – Tutte le attività che verranno svolte per “A Scuola con l’Arco” saranno naturalmente sottoposte ad un’attenta rendicontazione che la Federazione è tenuta a tenere nel corso delle varie fasi progettuali per poter ricevere i fondi da Sport e Salute necessari alla realizzazione delle iniziative.

Quanto messo in campo dalla FITARCO nel 2023 porterà un sostanziale aumento di praticanti e un’accresciuta conoscenza di questo antico e affascinante sport verso l’esterno.
Le attività formative gestite da professionisti di vari settori daranno inoltre informazioni utili che siamo certi contribuiranno a stimolare i partecipanti al Progetto a proseguire anche in futuro la pratica di questa meravigliosa disciplina. (Fonte FITARCO)

Le foto presenti su La Dea della Caccia sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo alla redazione - info@ladeadellacaccia.it - che provvederá prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.