TOP-MENU

UNA GIORNATA DI STUDIO SULLA LEPRE

UNA GIORNATA DI STUDIO SULLA LEPRE

Organizzata dalla S.I.E.F.  . Società Italiana di Ecopatologia della Fauna – in linea con gli obiettivi del piano di monitoraggio sanitario della fauna selvatica della Regione Emilia Romagna, Venerdì 16 ottobre presso la Sala Auditorium della Regione Emilia Romagna, in Viale Aldo Moro, 18 a Bologna, si terrà una “Giornata di studio e confronto: la lepre, ecologia, patologie e modelli gestionali che ne influenzano l’andamento demografico”.

L’iniziativa, nata a seguito degli stimoli e delle richieste evidenziate nella mailing list della Società Italiana di Ecopatologia della Fauna (S.I.E.F., www.sief.it ) si configura come giornata di studio e confronto sullo stato delle popolazioni di lepre europea. Obiettivo principale è riunire diverse competenze per determinare le possibili cause del declino della specie e individuare delle linee di studio e d’intervento basate su dati scientifici e sulla realtà del territorio. Il tutto inserito nello spirito della SIEF, società scientifica che ha sempre promosso un approccio ecologico, multidisciplinare, alla gestione della sanità della fauna selvatica.

La giornata è organizzata con una serie di brevi interventi, seguiti da alcuni minuti per domande, commenti e precisazioni. L’idea è di aprire un dibattito finalizzato a definire quali siano i più importanti aspetti da approfondire attraverso specifici studi in grado di contribuire fattivamente alla conservazione e alla gestione della specie.

Oltre ai soci della S.I.E.F. sono destinatari dell’iniziativa tutti gli operatori coinvolti nella gestione della lepre, con particolare attenzione a chi opera nell’ambito della sanità pubblica e della gestione faunistico-venatoria in Emilia Romagna e in aree limitrofe.

La Regione Emilia Romagna, il cui piano regionale di Monitoraggio della Fauna selvatica include alcune patologie della lepre, ospita e promuove l’evento nell’ambito delle proprio attività istituzionali indirizzate alla sorveglianza delle malattie trasmissibili.

Non è richiesta l’iscrizione all’evento.

La sede, situata in zona Fiera, è facilmente raggiungibile dalla stazione (autobus 35, 38) ed in auto dall’autostrada (uscita Bologna Fiera).

Programma

9.15- Registrazione

9.30- Apertura dei lavori

  • Vittorio Guberti (Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale)
  • Elio Licata (Servizio Prevenzione Collettiva e Sanità Pubblica Regione Emilia-Romagna)

9.45-10.05- Ecologia e Conservazione della lepre in Italia

  • Alberto Meriggi, Francesca Meriggi (Dipartimento di Scienze della Terra e dell’Ambiente – Università di Pavia)

10.10-10.25- La gestione della lepre

  • Valter Trocchi (Faunista libero professionista)

10.30-10.40- La lepre in pianura padana: demografia, gestione, esperienze di monitoraggio

  • Elisa Armaroli (Associazione professionale Studio Geco)

10.45-10.55- Variabilità genetica della lepre e implicazioni gestionali

  • Paola Modesto (Istituto Zooprofilattico Sperimentale del Piemonte, Liguria e Valle d’Aosta)

11.00-11.20- Pausa

11.20-11.30- Piano di monitoraggio sanitario in Emilia Romagna

  • Giuseppe Merialdi (Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell’Emilia Romagna)

11.35-11.45- Lepre, situazione sanitaria in Lombardia

  • Mario Chiari (Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell’Emilia Romagna)

11.45-12.00- EBHS e Calicivirus: cosa c’è di nuovo

  • Antonio Lavazza (Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia e dell’Emilia Romagna)

12.05-12.15- Parassiti: nemici della lepre o parte della biocenosi?

  • Laura Stancampiano (Dipartimento di Scienze Mediche Veterinarie – Università di Bologna)

12.20-12.40-E’ davvero possibile una gestione sanitaria della lepre?

  • Vittorio Guberti (Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale)

12.40-13.50- Pausa pranzo

14.00-15.30- Discussione ed elaborazione di un documento finale

Le foto presenti su La Dea della Caccia sono in parte prese da Internet e quindi valutate di pubblico dominio. Se i soggetti o gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione potranno segnalarlo alla redazione - info@ladeadellacaccia.it - che provvederá prontamente alla rimozione delle immagini utilizzate.