TOP-MENU

EUROPEI CAMPAGNA

TIRO CON L’ARCO. EUROPEI CAMPAGNA: NESSUNO COME L’ITALIA, 10 MEDAGLIE AZZURRE

L’Italia per la terza edizione di fila chiude i Campionati Europei Campagna al primo posto del medagliere. A Mokrice-Catez, in Slovenia, gli azzurri vincono dieci medaglie (5 ori e 5 argenti) e si piazzano davanti alla selezione padrona di casa (3 ori, 2 bronzi) e alla Francia (2 ori, 2 argenti, 5 bronzi).
Dopo i due ori e l’argento delle squadre di ieri, oggi nell’individuale arrivano tre ori e quattro argenti individuale. Straordinaria la prova degli specialista dell’arco nudo Eric Esposito e Cinzia Noziglia entrambi campioni d’Europa Senior e titolo, tra gli Junior, anche per Eleonora Meloni. Sul secondo gradino del podio salgono Massimiliano Mandia (arco olimpico), Irene Franchini (compound), Jessica Tomasi (arco olimpico) e Gian Lorenzo Soldi (arco nudo Junior).

ORO PER ERIC ESPOSITO – L’arco nudo si conferma terra di conquista per l’Italia con Eric Esposito che vince il titolo europeo battendo il francese David Jackson 52-43. L’azzurro mette subito il turbo con i larghi successi 14-10 e 16-11 nelle prime due volée. L’unico passaggio a vuoto del nuovo campione è nel terzo set perso 11-9, una battuta d’arresto subito cancellata dal 13-11 ancora azzurro del quarto parziale.

TITOLO EUROPEO PER NOZIGLIA – Cinzia Noziglia è la nuova campionessa d’Europa dell’arco nudo. L’azzurra, portacolori anche delle Fiamme Oro, vince la finalissima 51-43 contro la francese Christine Gauthe confermandosi tra le migliori specialiste del mondo. La ligure ipoteca subito il successo doppiando nella prima volée l’avversaria (14-7) che prova la risalita con il 12-11 della seconda. Noziglia però si riporta avanti 13-9 e pur perdendo il parziale delle ultime tre frecce (15-13) si prende il titolo europeo.

MANDIA SECONDO – Niente da fare per Massimiliano Mandia che accarezza il titolo europeo ma deve poi arrendersi al francese Jean Charles Valladont in finale con il risultato di 59-54. Le prime tre frecce sono azzurre (16-13), poi però il transalpino mette il turbo e piazza due super parziali portati a casa per 17-16 e 17-11. Il gap tra i due arcieri adesso è alto e il timbro sulla finale arriva nel quarto set vinto ancora da Valladont 12-11.

FRANCHINI D’ARGENTO – Solo due punti dividono Irene Franchini dal titolo europeo compound. La pluridecorata arciere della Nazionale perde la finale contro la slovena Toja Ellison 68-66 al termine di una lunga battaglia. Il primo parziale è 17-17, poi la slovena mette la testa avanti con il 18-17 del secondo e controlla nel terzo (16-16). Le arciere arrivano divise da un punto a tre frecce dal termine ed è ancora Ellison a spuntarla con il risultato di 17-16.

ARGENTO TOMASI, REBAGLIATI QUARTA – Nell’arco olimpico femminile sale sul podio Jessica Tomasi sconfitta dalla francese Laurea Villard 52-44 nella finalissima. L’azzurra rimane sempre in partita ma non riesce mai ad avere il guizzo per superare l’avversaria che si prende tutti i parziali con i risultati di 15-12, 13-12, 13-10 e 11-10.
Sconfitta 56-50 per Chiara Rebagliati nella finale per il bronzo con Bryony Pitman conclusa 56-50. La savonese parte meglio (13-11) ma poi subisce la rimonta della britannica che vince tutte le altre volée (17-14, 13-12, 15-11).

MELONI CAMPIONESSA D’EUROPA JUNIOR – La prima finale individuale azzurra a Mokrice-Catez finisce in trionfo. Tra gli Junior dell’arco nudo l’oro va ad Eleonora Meloni che batte la svedese Olivia Elamsson e si prende il titolo continentale. La sfida vive sulla linea del pareggio per le prime due volée (15-15, 10-10), poi la scandinava passa (12-11) ma Meloni non si scoraggia, anzi esce alla distanza e vince il match con le ultime tre frecce (11-8). Per l’azzurrina è il secondo oro nella competizione dopo quello conquistato ieri con la squadra.

SOLDI D’ARGENTO, CARASSAI QUARTO – Doppia sconfitta nelle due finali Junior maschili dell’arco nudo conquistate dall’Italia. Gian Lorenzo Soldi non riesce ad imporsi contro lo svedese Sebastian Jannson bravo a prendersi l’oro con il risultato di 54-43. La sfida si mette subito bene per l’atleta gialloblu, il primo set finisce 15-10 e costringe l’azzurro a inseguire. La rimonta è difficilissima anche perché il livello delle prestazioni di Jansson non scende mai, a dimostrarlo ci sono i parziali, se il secondo finisce pari (13-13), gli altri sono tutti a suo favore (13-8 e 13-12).
Nella finale per il bronzo niente da fare per Alessandro Carassai battuto dal padrone di casa Gasper Bolcina 49-31. Lo sloveno si impone con una prova autoritaria portandosi a casa tutti i parziali con i risultati di 12-7, 13-12, 12-7, 12-5.

QUARTO POSTO PER SARA NOCETI – Giù dal podio dell’arco olimpico Junior per soli quattro punti Sara Noceti. L’azzurrina si arrende nella sfida per il bronzo alla francese Aurelie Autret con il risultato di 54-50. La transalpina costruisce il suo successo nelle prime due volée vinte 13-11 e 16-15. Noceti prova a risalire con il 13-12 del terzo ma non riesce nella rimonta bloccata nel quarto dal 13-11 ancora a favore di Autret.

SOFIA CACCIA GIU’ DAL PODIO  – Anche Sofia Caccia nel compound resta fuori dal podio perdendo la finale per il bronzo Junior 61-57 contro la svedese Caroline Kack. L’azzurrina parte meglio (17-16) ma viene poi rimontata e battuta con gli altri parziale tutti a favore della scandinava (14-13, 16-14, 15-13). (Fonte FITARCO)